giovedì 08 dicembre | 05:51
pubblicato il 03/apr/2011 05:00

Immigrati/ A Lampedusa al via gli imbarchi, scontri a Manduria

Berlusconi: Tutto sotto controllo.Tunisi gela Roma:nessun accordo

Immigrati/ A Lampedusa al via gli imbarchi, scontri a Manduria

Roma, 3 apr. (askanews) - Sono iniziati nella serata di ieri gli imbarchi sulle navi dei migranti per sfollare l'isola di Lampedusa, al termine di una giornata di tensione e caos al porto siciliano. A causa del mare grosso, infatti, gli imbarchi degli immigrati sono stati molto lenti e, tra i tunisini esasperati dalla lunga attesa e dall'incertezza del reale imbarco, è esplosa la rabbia. Una roulotte è stata data alle fiamme e un giovane è stato fermato. I migranti hanno anche dato vita a uno sciopero della fame, poi revocato. Il premier Berlusconi, nel comunicare l'avvio degli imbarchi, ha assicurato che "tutto è stto controllo" e "che non ci sono problemi di apporviggionamenti di acqua e cibo". Ed ha sottolineato che al massimo domani potremmo avere Lampedusa ridata completamente ai suoi cittadini". Ma sull'ottimismo di Berlusconi è arrivata calata una secchiata di acqua gelata da Tunisi, dove il Premier e il ministro Maroni hanno annunciato recarsi per chiudere le intese di cooperazione e amicizia che avrebbero facilitato i rimaptri dei tunisini. Ma a poco più di 24 ore dall'arrivo di Berlusconi in Tunisia, il ministro degli Esteri ha voluto pubblicamente "smentire" con una nota ufficiale che "un'intesa sia stata già raggiunta e sottoscritta, come erroneamente riferito dagli organi di informazione" la scorsa settimana, in occasione della prima missione a Tunisi di Frattini e Maroni. Tornando in Italia, la tensione è alle stelle in Puglia, nella tendopoli di Manduria, dove, nei giorni scorsi sono stati trasferiti i migranti sbarcati sull'isola siciliana. Un tunisino ha tentato di darsi fuoco, è stato soccorso e portato in ospedale ma non è grave. E nello stesso campo, a causa della penuria di cibo, c'è stato anche uno scontro tra immigrati e forze dell'ordine. In serata, diversi profughi hanno divelto le recinzioni nel tenativo di darsi alla fuga. Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco: "L'Europa è in debito verso l'Africa pertanto è necessario che questo debito venga soddisfatto nel modo migliore, nel modo più efficace possibile e quindi che l'Italia non sia lasciata sola rispetto a questa emergenza, che non è dell'Italia, è di tutta l'Europa, rispetto a queste popolazioni che chiedono la sicurezza di un domani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni