lunedì 16 gennaio | 16:16
pubblicato il 03/apr/2011 05:00

Immigrati/ A Lampedusa al via gli imbarchi, scontri a Manduria

Berlusconi: Tutto sotto controllo.Tunisi gela Roma:nessun accordo

Immigrati/ A Lampedusa al via gli imbarchi, scontri a Manduria

Roma, 3 apr. (askanews) - Sono iniziati nella serata di ieri gli imbarchi sulle navi dei migranti per sfollare l'isola di Lampedusa, al termine di una giornata di tensione e caos al porto siciliano. A causa del mare grosso, infatti, gli imbarchi degli immigrati sono stati molto lenti e, tra i tunisini esasperati dalla lunga attesa e dall'incertezza del reale imbarco, è esplosa la rabbia. Una roulotte è stata data alle fiamme e un giovane è stato fermato. I migranti hanno anche dato vita a uno sciopero della fame, poi revocato. Il premier Berlusconi, nel comunicare l'avvio degli imbarchi, ha assicurato che "tutto è stto controllo" e "che non ci sono problemi di apporviggionamenti di acqua e cibo". Ed ha sottolineato che al massimo domani potremmo avere Lampedusa ridata completamente ai suoi cittadini". Ma sull'ottimismo di Berlusconi è arrivata calata una secchiata di acqua gelata da Tunisi, dove il Premier e il ministro Maroni hanno annunciato recarsi per chiudere le intese di cooperazione e amicizia che avrebbero facilitato i rimaptri dei tunisini. Ma a poco più di 24 ore dall'arrivo di Berlusconi in Tunisia, il ministro degli Esteri ha voluto pubblicamente "smentire" con una nota ufficiale che "un'intesa sia stata già raggiunta e sottoscritta, come erroneamente riferito dagli organi di informazione" la scorsa settimana, in occasione della prima missione a Tunisi di Frattini e Maroni. Tornando in Italia, la tensione è alle stelle in Puglia, nella tendopoli di Manduria, dove, nei giorni scorsi sono stati trasferiti i migranti sbarcati sull'isola siciliana. Un tunisino ha tentato di darsi fuoco, è stato soccorso e portato in ospedale ma non è grave. E nello stesso campo, a causa della penuria di cibo, c'è stato anche uno scontro tra immigrati e forze dell'ordine. In serata, diversi profughi hanno divelto le recinzioni nel tenativo di darsi alla fuga. Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco: "L'Europa è in debito verso l'Africa pertanto è necessario che questo debito venga soddisfatto nel modo migliore, nel modo più efficace possibile e quindi che l'Italia non sia lasciata sola rispetto a questa emergenza, che non è dell'Italia, è di tutta l'Europa, rispetto a queste popolazioni che chiedono la sicurezza di un domani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow