sabato 21 gennaio | 16:45
pubblicato il 16/nov/2013 12:04

Ilva: Vendola, mi vergogno ma non ho mai scherzato su cancro

Ilva: Vendola, mi vergogno ma non ho mai scherzato su cancro

(ASCA) - Roma, 16 nov - ''In quella sequenza Girolamo Archina' introduce un involontario effetto comico: quello 'scatto felino' e' l'unico vero oggetto della mia ilarita', non l'atto di chiusura nei confronti di un giornalista. Su questo atto vorrei esprimere le mie scuse al giornalista: non ho mai avuto compiacenza verso azioni di questo genere. Mi dispiace che passi l'idea che io voglia disconoscere il lavoro del cronista: quel riferimento e' stato da parte mia un atto di superficialita'''. Lo ha affermato il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, a seguito delle polemiche sulla sua telefonata con Girolamo Archina', ex responsabile delle relazioni istituzionali dell'Ilva. In un'intervista a 'l'Unita'', Vendola ha spiegato che ''senza l'immagine del contesto non si capisce nulla di quella telefonata. Bisogna conoscere gli interlocutori di Ilva, molti sono bestie nere, specialisti del muro di gomma. Mentre Archina' si presentava come un interlocutorie disponibile a fare pressioni sulla proprieta' per aprire alle questioni che noi ponevamo. E' stata una battuta che mi serviva per iniziare la telefonata con il responsabile istituzionale dell'Ilva, in un passaggio particolarmente delicato della vicenda''.

Concetto ribadito anche in un'intervista a 'Repubblica' in cui Vendola ha aggiunto che non permettera' ''a nessuno di sollevare dubbi sulla mia onesta' intellettuale e di manipolare la realta' in maniera cosi' strumentale e volgare.

Io - ha ribadito - ho semplicemente commentato con Archina', sorridendo, il suo 'guizzo felino' in occasione di un'intervista a Emilio Riva e chiunque ascolti quella telefonata si rende conto che io non rido dei tumori''. Ad ogni modo ''provo un po' di vergogna per avere riso in qualche modo di un giornalista che stava facendo il suo lavoro''.

Per il leader di Sel, intervistato anche dal 'Manifesto, ''siamo davanti ad un atto delinquenziale, un operazione costituita da una centrale di diffamazione e calunnie che ha le sue radici a Taranto e non solo. Agiro' in ogni sede legale. Mi difendero'''.

red-brm/fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4