sabato 21 gennaio | 19:04
pubblicato il 20/nov/2013 19:05

Ilva: Nichi Vendola a Ronchi, disponibile a confronto tecnico

Ilva: Nichi Vendola a Ronchi, disponibile a confronto tecnico

(ASCA) - Roma, 20 nov - ''L'on. Ronchi (ora subcommissario dell'ILVA) sostiene che e' stato il 'suo' d.lgs. 372/1999 a fissare il limite di emissione delle diossine a 0,1 nanogrammi per normalmetrocubo (ng/nmc teq) per i grandi impianti industriali, come l'ILVA. Non siamo d'accordo con questa interpretazione''. E' quanto dichiara il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola in risposta ad una nota di Edo Ronchi, attuale subcommissario dell'Ilva, in merito ad alcune affermazioni contenute nella relazione ''La battaglia dell'Ilva'' presentata ieri in Consiglio regionale dal Presidente Vendola. ''Le osservazioni tecniche contenute nella Relazione presentata ieri in Consiglio Regionale non volevano sviluppare polemiche retrospettive - afferma Vendola - , ma ricostruire una dinamica legislativa e regolamentare che chiunque - con un po' di pazienza - potrebbe ricavare su un qualsiasi manuale di diritto ambientale''.

E spiega: ''In realta' il d.lgs 372/1999, recependo la normativa comunitaria in materia di AIA, all'art. 3, comma 2, disponeva che gli impianti esistenti si sarebbero dovuti sottoporre ad AIA recependo le migliori tecniche disponibili (le BAT). Era compito dei Ministeri competenti di definire Linee Guida contenenti le BAT. Fermo restando quindi che la norma Ronchi non prevedeva alcun limite di emissione, essa obbligava i Ministeri ad una attivita' preliminare. Il Governo invece di svolgere tale attivita', nel 2005 con un successivo D.Lgs. (il 59/2005) abrogava il 372/1999. E sempre nel 2005 finalmente predisponeva le Linee Guida che prevedevano per le emissioni il raggiungimento in condizioni normali di una concentrazione di diossine uguale o inferiore a 0,5 ngTEQ/Nmc. Si sottolinea 0,5 e non 0,1 e comunque applicabile solo attraverso una AIA. Ma all'epoca l'ILVA non aveva l'AIA ed anzi le cose andavano per le lunghe.Per questo si spiega come per la Regione Puglia divento' fondamentale intervenire direttamente con la famosa Legge Regionale anti-diossine.

E' stato quindi per merito della Legge Regionale che all'appuntamento AIA del 2011 l'ILVA sia arrivata con un impianto di agglomerazione con limiti emissivi su standard accettabili. Se non ci fosse stata la legge antidiossine, si sarebbe partiti da un potenziale 10.000 ng/nmc per arrivare chissa' quando agli obiettivi.

Questo e' il diritto. E la Regione e' ovviamente sempre disponibile ad un confronto tecnico con il subcommissario Ronchi, quando lo vorra'''. ''E' chiaro tuttavia - prosegue Vendola - che se fosse giusta l'osservazione dell'on. Ronchi non si capisce come mai il Ministero dal 1999 ha consentito all'ILVA e a tutte le grandi aziende industriali di superare il limite di 0,1 ng/nmc.

Ma alla comunita' pugliese e tarantina interessano anche i propositi che emergono dalle tesi di diritto, anche quando esse sono opinabili.

Siccome il subcommissario sostiene che 'le BAT consentivano e consentono di arrivare a 0,1 ng/nmc', ci aspettiamo che il subcommissario (che rappresenta lo Stato nella gestione ambientale dello stabilimento) presenti immediatamente al Ministero una variazione migliorativa dell'AIA per scendere dal valore previsto nell'AIA Clini di 0,3 ng/nmc a quello da lui indicato come standard raggiungibile di 0,1 ng/nmc.

In ogni caso, sara' cura della Regione Puglia di segnalare tale osservazione e sostenere questa tesi - pure se formulata a mezzo stampa - al Ministero dell'Ambiente ed al Comitato di Esperti in vista dell'approvazione del Piano delle Misure.

Una volta tanto saremmo d'accordo nell'interesse dei pugliesi e della loro salute''.

com-mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4