lunedì 20 febbraio | 04:58
pubblicato il 05/giu/2013 11:07

Ilva: M5S Camera, reddito cittadinanza dopo chiusura impianto a caldo

(ASCA) - Roma, 5 giu - ''Sabato prossimo, alle ore 18, i deputati del M5S incontreranno i cittadini di Taranto nell'ottica di una partecipazione pubblica e di una discussione in merito alle prospettive dell'impianto siderurgico Ilva. Il M5S - si legge in una nota del gruppo M5S a Montecitorio - proporra' ai tarantini la sua idea per risolvere la complicata questione ambientale e occupazionale: la chiusura dell'area a caldo, il reimpiego di parte dei lavoratori nella bonifica e la garanzia del reddito di cittadinanza per tutti gli altri''. Il deputato M5S Diego De Lorenzis spiega: ''L'area a caldo, incompatibile con la salute, deve essere chiusa, perche' e' impossibile effettuare una bonifica ambientale mantenendo attiva la fonte inquinante. E' proprio per questo che vogliamo incontrare gli abitanti di Taranto - conclude De Lorenzis - perche' sono gli unici ad avere il diritto di prendere in mano la propria vita e decidere del futuro, dopo essere stati calpestati per tanto tempo''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia