domenica 19 febbraio | 17:59
pubblicato il 21/gen/2013 17:48

Ilva: Finocchiaro, si lavori per dissequestro vincolato

Ilva: Finocchiaro, si lavori per dissequestro vincolato

(ASCA) - Roma, 21 gen - ''La questione dell'Ilva di Taranto non puo' piu' aspettare. La pronunzia della Corte Costituzionale rischia di arrivare troppo tardi, quando i fatti avranno avuto gia' un loro esito. E' una ulteriore prova che lo strumento giurisdizionale, e quello penale in particolare, anche quando adoperati in piena legittimita', non sono utilizzabili per risolvere questioni cosi' complesse. Il sequestro delle tonnellate di acciaio gia' prodotte taglia liquidita' e risorse indispensabili per l'attuazione dell'Aia e per la produzione sia a Taranto che negli altri stabilimenti italiani e, quindi, per avviare le misure a tutela della salute dei tarantini e dell'ambiente circostante, oltre che per tutelare i sacrosanti diritti dei lavoratori, sia quelli che resterebbero addetti, sia quelli che andrebbero in Cig''. Lo dichiara Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del Pd e capolista in Puglia al Senato alle prossime elezioni politiche. ''Sono d'accordo con il Presidente Vendola, infatti, circa la destinazione delle risorse che deriverebbero dalla vendita dell'acciaio dissequestrato. Il conflitto tra produzione, salute e ambiente - continua Finocchiaro - non e' questione solo tarantina ma di tutti i paesi industrializzati e, anche in questo senso, quella pugliese e' questione nazionale. Che non puo' essere risolta aggiungendo conflitto a conflitto.

Nella contrapposizione drammatica tra il lavoro, l'economia di un intero territorio e la salute, il decreto del Governo convertito qualche settimana fa ha rappresentato una approssimazione certo utile per dare una risposta nell'urgenza ma non esaustiva. Altri decreti pero' ora non servono. Non e' utile alimentare ulteriori tensioni tra poteri''. ''Sarebbe piu' utile che anche la proprieta' si adoperasse per l'unica soluzione possibile che ci pare essere quella del dissequestro vincolato. Io credo sia arrivato, per tutti, il tempo della assunzione di una responsabilita' comune. Non e' piu' il tempo per distinguersi'', conclude Finocchiaro. com-ceg/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Sinistra
Scotto lascia Si: non serve partito ma nuovo centrosinistra
Pd
Pd, fallisce nuova mediazione ma si tratta. Rischio scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia