giovedì 08 dicembre | 23:35
pubblicato il 09/dic/2014 19:30

Il nuovo Italicum prende forma, ma è scontro sul Consultellum

Da Finocchiaro 2 emendamenti, accantonata clausola salvaguardia

Il nuovo Italicum prende forma, ma è scontro sul Consultellum

Roma, 9 dic. (askanews) - Il nuovo Italicum, frutto del patto del Nazareno rivisto da Matteo Renzi e Silvio Berlusconi nell'incontro dello scorso 12 novembre, prende forma nei due emendamenti presentati oggi in commissione Affari Costituzionali al Senato dalla relatrice del testo Anna Finocchiaro. Premio di maggioranza di 340 seggi alla lista, anziché alla coalizione, che ottenga almeno il 40%, soglia di sbarramento per le liste non collegate al 3%, anziché all'8%, capilista bloccati e potenti: saranno gli unici a potersi candidare in più collegi fino a un massimo di dieci.

Con gli emendamenti Finocchiaro, inoltre, vengono istituiti 100 collegi plurinominali e si prevede che, insieme al simbolo, i partiti che si candidano a governare depositino il programma elettorale nel quale dichiarano il nome e cognome della persona da loro indicata come capo della forza politica. Non è prevista invece la parità di genere nell'unica posizione che conta in lista, cioè la prima: nel numero complessivo dei candidati capolista nei collegi di ciascuna circoscrizione è sufficiente che non vi sia più del sessanta per cento di candidati dello stesso sesso. C'è invece la doppia preferenza di genere: ogni elettore potrà esprimere uno o due voti di preferenza e, in caso di espressione della seconda preferenza, deve scegliere un candidato di sesso diverso rispetto al primo. Le liste dei candidati nei collegi plurinominali infine saranno più lunghe perché a ogni collegio è assegnato un numero di seggi non inferiore a tre e non superiore a nove", anziché fino a sei.

Se i due emendamenti depositati dalla relatrice "hanno trovato la convergenza più larga nella discussione in commissione", come ha assicurato Finocchiaro, dicendosi fiduciosa di poter approvare il testo in commissione prima di Natale, divide - e parecchio - il tema sollevato da Roberto Calderoli di una clausola di salvaguardia che renda applicabile l'attuale legge elettorale, ovvero quella risultante dalla sentenza della Consulta che ha bocciato il Porcellum. La questione è stata espunta dall'ordine del giorno presentato dal leghista oggi (si è votato solo sui punti condivisi del documento passato con nessun voto contrario e quattro astenuti di M5S e Sel) e rinviata alla prossima settimana.

La vexata quaestio è: se la legislatura dovesse finire in anticipo, con che legge si andrebbe al voto? Per il sottosegretario alle Riforme Luciano Pizzetti "come dice la Consulta" nella sentenza con cui ha bocciato il Porcellum l'attuale legge è "autoapplicativa". Quindi "si può andare a votare con il Consultellum se si vuole". Ma il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, sottolinea che la clausola di salvaguardia "non ha molta utilità politica perché torneremo a votare nel 2018 con una nuova legge elettorale e anche con le riforme costituzionali già sottoposte a referendum". Tuttavia, aggiunge, "non è detto" che se la legislatura finisse con anticipo si andrebbe a votare con il Consultellum. "In Commissione - spiega - si è parlato anche della possibilità del Mattarellum". Finocchiaro fa sapere che come relatrice presenterà "una proposta quando il terreno sarà solido e troveremo la necessaria condivisione".

Ma tra i senatori di opposizione circola un sospetto sulle intenzioni del governo: "Sul Consultellum la Commissione ha deciso di prendere tempo. Non vorrei che questa dilazione sia solo tattica e propedeutica a un bel decreto legge", denuncia l'ex M5S Francesco Campanella, senatore di Italia Lavori In Corso. Per Calderoli, che annuncia un nuovo ordine del giorno se non si trova un accordo, è quasi una certezza: il governo, spiega, non vuole fare nulla per "mettere a sistema" il Consultellum "perché altrimenti ci sarebbe una legge pronta per andare al voto". Il governo di Matteo Renzi, è il ragionamento del leghista, "vuole approvare l'Italicum e se la legislatura finisce in anticipo fa un bel decreto per estenderlo anche all'elezione del Senato".

L'esame dell'Italicum comunque entrerà nel vivo la prossima settimana. Domani scadrà alle 20 il termine per gli emendmaneti e giovedì alla stessa ora quello per i subemebdamenti. Luc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni