venerdì 09 dicembre | 03:31
pubblicato il 08/ott/2014 09:56

Il Jobs act al Senato per la fiducia, ma l'articolo 18 resta fuori

Nel pomeriggio il voto. Le modifiche più consistenti sono affidate ai decreti attuativi

Il Jobs act al Senato per la fiducia, ma l'articolo 18 resta fuori

Roma, 8 ott. (askanews) - E' ripresa in aula al Senato la discussione generale sul ddl delega lavoro. Al termine del dibattito è attesa la richiesta di fiducia da parte del governo sul maxiemendamento al provvedimento che è approdato a Palazzo Madama senza grandi modifiche: in particolare i cambiamenti relativi all'articolo 18 saranno inseriti negli decreti attuativi. Il voto si svolgerà nel pomeriggio. Sono poche le novità contenute nel testo del maxiemendamento del governo e non sarà toccato l'articolo 18. Non sono attese, inoltre, novità sulla contrattazione di secondo livello e sul tema della rappresentanza sindacale. Il nuovo testo dovrebbe invece recepire alcuni degli emendamenti presentati dalla minoranza Pd, come la richiesta di criteri più oggettivi per l'eventuale demansionamento dei lavoratori in caso di crisi aziendali, e dei controlli a distanza. La minoranza ha anche chiesto maggiori certezze sulle risorse per gli ammortizzatori sociali e che la riforma degli ammortizzatori sia contestuale alla semplificazione dei contratti per evitare che alla maggiore flessibilità dei licenziamenti non corrispondano maggiori tutele per chi rimane disoccupato. Dovrebbe essere accolta anche la richiesta di non aumentare il tetto di 5mila euro annui per il ricorso ai voucher. Fra le modifiche dovrebbe rientrare, inoltre, un rafforzamento del superamento della frammentazione delle diverse tipologie contrattuali. Per quanto riguarda l'articolo 18, il governo nella sua replica dovrebbe far riferimento alla proposta di Matteo Renzi votata dalla direzione Pd che prevede di mantenere il diritto di reintegro per gli ingiusti licenziamenti discriminatori e disciplinari nei casi gravi. I dettagli sulle modidifiche all'articolo 18 saranno però contenuti nei decreti delegati che il governo varerà dopo il via libera definitivo alla delega e quindi nel 2015. Int8

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni