mercoledì 18 gennaio | 01:32
pubblicato il 08/ott/2014 09:56

Il Jobs act al Senato per la fiducia, ma l'articolo 18 resta fuori

Nel pomeriggio il voto. Le modifiche più consistenti sono affidate ai decreti attuativi

Il Jobs act al Senato per la fiducia, ma l'articolo 18 resta fuori

Roma, 8 ott. (askanews) - E' ripresa in aula al Senato la discussione generale sul ddl delega lavoro. Al termine del dibattito è attesa la richiesta di fiducia da parte del governo sul maxiemendamento al provvedimento che è approdato a Palazzo Madama senza grandi modifiche: in particolare i cambiamenti relativi all'articolo 18 saranno inseriti negli decreti attuativi. Il voto si svolgerà nel pomeriggio. Sono poche le novità contenute nel testo del maxiemendamento del governo e non sarà toccato l'articolo 18. Non sono attese, inoltre, novità sulla contrattazione di secondo livello e sul tema della rappresentanza sindacale. Il nuovo testo dovrebbe invece recepire alcuni degli emendamenti presentati dalla minoranza Pd, come la richiesta di criteri più oggettivi per l'eventuale demansionamento dei lavoratori in caso di crisi aziendali, e dei controlli a distanza. La minoranza ha anche chiesto maggiori certezze sulle risorse per gli ammortizzatori sociali e che la riforma degli ammortizzatori sia contestuale alla semplificazione dei contratti per evitare che alla maggiore flessibilità dei licenziamenti non corrispondano maggiori tutele per chi rimane disoccupato. Dovrebbe essere accolta anche la richiesta di non aumentare il tetto di 5mila euro annui per il ricorso ai voucher. Fra le modifiche dovrebbe rientrare, inoltre, un rafforzamento del superamento della frammentazione delle diverse tipologie contrattuali. Per quanto riguarda l'articolo 18, il governo nella sua replica dovrebbe far riferimento alla proposta di Matteo Renzi votata dalla direzione Pd che prevede di mantenere il diritto di reintegro per gli ingiusti licenziamenti discriminatori e disciplinari nei casi gravi. I dettagli sulle modidifiche all'articolo 18 saranno però contenuti nei decreti delegati che il governo varerà dopo il via libera definitivo alla delega e quindi nel 2015. Int8

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa