domenica 22 gennaio | 01:25
pubblicato il 28/apr/2013 14:25

Identikit governo Letta: 7 donne, un ministro di colore e no big

L'età media è scesa a 53 anni

Identikit governo Letta: 7 donne, un ministro di colore e no big

Roma, (askanews) - L'età media è scesa a 53 anni, undici in meno dell'esecutivo Monti. Il 30% dei ministri sono donne. Sulla poltrona del dicastero per l'integrazione c'è, per la prima volta, una signora di colore. Il neonato governo Letta si presenta al Paese con una serie di primati. Il suo presidente sembra aver voluto seguire l'indirizzo del Capo dello Stato che lo ha scelto all'età di 47 anni come guida del nuovo governo. La maglia rosa di ministro più giovane va a Nunzia De Girolamo, 37 anni del Pdl, nuovo Ministro per l'agricoltura. Il più anziano è Fabrizio Saccomanni, classe '42, un tecnico al ministero dell'Economia. C'è anche una campionessa olimpica, la bersaniana Iosefa Idem, che, ca va san dire, va al ministero dello Sport. E un ministro che con il suo record personale di nove figli, ha ricevuto l'incarico proprio nel giorno del suo compleanno: è Graziano Delrio, renziano, andato agli Affari regionaliMa le novità non sono solo nell'anagrafica dei ministri. Come ha sottolineato Napolitano questo è un governo "tutto politico", per quanto non sia il risultato del voto del 25 febbraio. E' quello che si chiama un governo di "larghe intese": al suo interno 9 ministri sono del Pd, 5 del Pdl e 2 di Scelta civica. Le intese, per la verità, non sono state così larghe da abbracciare il M5S, Sel e la Lega che mai avrebbe voluto un medico di origini congolesi all'integrazione. C'è poi un altro partito di peso, quello dei cosiddetti saggi. Ce ne sono 4 della squadra scelta da Napolitano per definire l'agenda del Paese: Giovannini al ministero del Lavoro, Quagliariello alle Riforme istituzionali, Mauro alla Difesa e Moavero agli Affari europei. Ma quello che più si fa notare in questa compagine di governo è un'assenza, l'assenza dei big dei partiti. Fuori i D'Alema, i Berlusconi, i Brunetta, solo per citare alcuni dei nomi circolati nei giorni del totoministri. La scena questa volta è per i numeri due che ci provano laddove i numeri uno hanno fallito.

Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4