lunedì 05 dicembre | 22:14
pubblicato il 28/set/2011 19:47

I costruttori fischiano Matteoli: vergogna. Lui: mancano i soldi

Ance: risorse infrastrutture; parte imprenditori lascia assemblea

I costruttori fischiano Matteoli: vergogna. Lui: mancano i soldi

Roma, 28 set. (askanews) - Dura contestazione, con fischi e urla, contro il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, da parte di un gruppo di costruttori dell'Ance. "Vergogna, basta, usciamo", hanno urlato, durante l'assemblea dell'Ance, alcuni contestatori interrompendo così il discorso del ministro che stava elencando gli interventi adottati dal governo a favore del settore delle infrastrutture. In molti hanno poi abbandonato la sala del Palazzo dei Congressi all'Eur, mentre il ministro, dopo un attimo di smarrimento, ha subito minimizzato: "Mi rendo conto del momento difficile, sono abituato a ben altro". La contestazione, comunque, è arrivata al termine di un'assemblea incentrata su un chiaro ultimatum al governo: "il tempo è scaduto", ha detto infatti il numero uno dell'Ance, Paolo Buzzetti, sottolineando che sul Dl Sviluppo il governo si sta giocando l'ultima chance di credibilità". I numeri, del resto, parlano chiaro, il settore è in profonda difficoltà. Dall'inizio della crisi i posti di lavoro persi nelle costruzioni sono circa 230mila, che raggiungono le 350mila unità se si considerano anche i settori collegati alle costruzioni. Dunque, il Dl Sviluppo rappresenta ora "una grande opportunità" per invertire la rotta e tornare a puntare sull'edilizia "motore fondamentale dell'economia", ma un piano " a costo zero - ha avvertito Buzzetti - o è una chimera o è una presa in giro". "I soldi ci sono, spendiamoli", è l'appello che Buzzetti ha lanciato al governo chiedendo di non concentrare le "poche risorse" solo sulle grandi opere. Ma Matteoli ha subito messo in chiaro: "Soldi non ce ne sono, il finanziamento avviene attraverso la defiscalizzazione". Ma ad incrinare i rapporti tra costruttori e governo c'è anche tutta la questione ancora aperta dei ritardi nei pagamenti da parte della P.A. E, su questo fronte, i costruttori non intendono più fare sconti: "ci hanno già bocciato tre soluzioni, la Cassa depositi e prestiti sta studiando l'ennesima soluzione, se anche questa fosse bocciata invito i nostri associati ad agire per vie legali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari