domenica 04 dicembre | 15:10
pubblicato il 04/lug/2014 12:00

Guerini: ok dibattito Pd su riforme ma non sia per frenare

"Ampia maggioranza partito ha indicato strada, ora solo dettagli"

Guerini: ok dibattito Pd su riforme ma non sia per frenare

Roma, 4 lug. (askanews) - All'interno del Pd "si è già più volte svolto un ampio e approfondito dibattito sui temi che riguardano sia il nuovo Senato sia la riforma della legge elettorale e un'ampia maggioranza ha indicato la strada". Ora il dibattito "sta proseguendo nei lavori parlamentari in Parlamento ma solo "per mettere a punto dettagli significativi". E certamente "non deve diventare l'occasione per frenare" il percorso riformatore che "è decisivo per migliorare la qualità e l'efficienza delle nostre istituzioni e per confermare la credibilità che l'Italia si sta sempre più conquistando in Europa". Lo afferma il vice segretario del Pd Lorenzo Guerini, interpellato a proposito delle divergenze interne al partito sulla partita delle riforme e della legge elettorale. Guerini assicura: "Tutto il Partito democratico, forte dello straordinario consenso ricevuto dai cittadini, è e sarà impegnato per raggiungere l'obiettivo in tempi certi e secondo le linee approvate dai suoi organismi dirigenti". Perchè nel Pd "abbiamo la volontà di concludere il percorso sul Senato secondo i principi fondamentali che stanno alla base della proposta e del lavoro compiuto in Commissione Affari costituzionali del Senato e subito dopo proseguire con la discussione sulla legge elettorale che è già stata approvata dalla Camera". Nel merito, Guerini cita un esempio concreto, che sembra una risposta ai tilievi di Pierluigi Bersani sul combinato disposto tra riforma istituzionale e Italicum: "Quando si affronta una riforma importante degli assetti costituzionali, è giusto e doveroso riflettere sugli equilibri istituzionali e sulle garanzie, ma non si devono confondere i piani e inserire nella discussione obiezioni non attinenti, come il modo in cui vengono scelti i parlamentari, questione che riguarda il rapporto tra cittadini ed eletti e non tanto gli equilibri tra le diverse istituzioni". Da questo punto di vista "l'impostazione dell'Italicum tiene ovviamente conto dei rilievi che la Corte costituzionale ha sollevato sulla precedente legge elettorale". Insomma, conclude il vice segretario del Pd, "il percorso delle riforme è tracciato, adesso si tratta di portarlo a termine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari