sabato 03 dicembre | 13:04
pubblicato il 08/set/2016 17:27

Grillo riunisce vertice M5s, a Roma il minidirettorio lascia

Di Battista Di Maio Fico e Sibilia a pranzo dal leader, Ruocco non c'è. Raggi torna in pubblico: io non mollo

Grillo riunisce vertice M5s, a Roma il minidirettorio lascia

Roma, 8 set. (askanews) - Mentre Beppe Grillo riunisce a pranzo il vertice nazionale dei Cinque Stelle il mini-direttorio pentastallato romano rassegna le dimissioni e se ne va. Dopo la giornata di ieri culminata nel comizio di Nettuno, oggi Grillo ha convocato all'Hotel Forum, dove risiede di solito quando arriva a Roma, i membri del Direttorio. Erano presenti Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio, Carlo Sibilia e Roberto Fico mentre non c'era Carla Ruocco. Un vertice, durato circa tre ore, al termine del quale il leader ha lasciato l'hotel a bordo di un pullmino nero con i vetri oscurati.

La situazione appare quella di una tregua fragile e infatti le sorprese non mancano. Oggi, attraverso un post sul blog di Grillo, hanno lasciato l'incarico i membri del mini-direttorio, la struttura che era stata creata per "affiancare" il lavoro della giunta capitolina. A Roma "la macchina amministrativa è partita ed è giusto che ora proceda spedita. Per questo, riteniamo che oggi il nostro compito non sia più necessario", hanno scritto i componenti Paola Taverna, Fabio Massimo Castaldo e Gianluca Perilli assicurando che "non faremo mai mancare il nostro sostegno e il nostro contributo" all'amministrazione capitolina. E la Taverna, su Facebook, si difende dall'accusa di aver passato e-mail e sms alla stampa: "Ho già provveduto a far smentita pubblica a chi si è permesso di dire che sono stata io a passare mail ed sms alla stampa e sono pronta a querelare chiunque lo affermi nuovamente! Chiaro???".

Intanto Virginia Raggi, parlando con alcuni militanti al termine delle celebrazioni per il 73 anniversario della difesa di Roma, ribadisce che "io non mollo", ma accetta di mettere in atto le condizioni poste dai vertici del M5s, che avevano chiesto di "sacrificare" Raffaele Marra, vicecapo di gabinetto; del capo della segreteria politica del sindaco, Salvatore Romeo; dell'assessore all'Ambiente Paola Muraro e dell'assessore al Bilancio Raffaele De Dominicis. I primi due erano stati spostati ieri, mentre oggi la sindaca, via Facebook, ha annunciato che l'ex procuratore generale della Corte dei Conti del Lazio Raffaele De Dominicis non sarà assessore al bilancio: "Ho appreso - ha spiegato - che in base ai requisiti previsti dal M5S non può più assumere l'incarico di assessore al Bilancio della giunta capitolina, pertanto di comune accordo abbiamo deciso di non proseguire con l'assegnazione dell'incarico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari