lunedì 16 gennaio | 16:58
pubblicato il 12/feb/2015 16:38

Grillo: pronti a murare le sedi di Equitalia

Dobbiamo impedire alle cartelle pazze di uscire dagli uffici

Grillo: pronti a murare le sedi di Equitalia

Roma, 12 feb. (askanews) - Il Movimento 5 stelle vuole chiudere Equitalia. Lo annuncia il blog di Beppe Grillo, che lancia anche su twitter la sua campagna #muriamoequitalia.

"Non ci fermeremo. Se dovesse essere necessario, mureremo l'ingresso delle sedi per non permettere alle cartelle pazze di uscire dagli uffici - scrive il fondatore del M5S -. Sappiate che da qualche giorno Equitalia ha anche il profilo Twitter che - tengono a precisare - ha solo uno scopo informativo e non di assistenza diretta. Però, se volete, ricordategli che l'hashtag #AbolirEquitalia è anche una vostra priorità. Questo è il primo post dedicato a Equitalia, l'ultimo sarà quando chiuderà. Nei commenti inserite la storia delle vostra esperienza con Equitalia, per chi ha avuto la sfortuna di averla. Le vostre storie saranno inserite in un libro da scaricare on line gratuitamente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow