lunedì 27 febbraio | 22:25
pubblicato il 13/dic/2013 12:00

Grillo: liste di proscrizione giornalisti? Fantasie di Letta

"Italia al 70mo posto per la libertà di stampa"

Grillo: liste di proscrizione giornalisti? Fantasie di Letta

Roma, 13 dic. (askanews) - Nessuna lista di proscrizione per i giornalisti. Dopo giorni di polemiche, il leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo si difende dall'accusa, ribadita in Parlamento dal presidente del Consiglio Enrico Letta. "Quanto a mettere all'indice i giornalisti che diffamano incessantemente il M5s e Grillo - ha scritto fra le altre cose in un lungo post dedicato a Letta sul suo blog - sono state riportate le loro parole con l'invito a leggere l'articolo completo. E' vietato?". Secondo Grillo, quindi, "le liste di proscrizione esistono nella fantasia di Capitan Findus (Letta, ndr). L'Italia è al 70esimo posto per la libertà di stampa. Di chi è la colpa 'palle d'acciaio'? Di chi lo denuncia o invece di chi diffama sui giornali sostenuti dal finanziamento pubblico, che va abolito ora,e sulle televisioni dominate dai partiti?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech