giovedì 08 dicembre | 11:00
pubblicato il 27/set/2016 20:19

Grillo impone silenzio: stop al "fuoco amico" su Roma

Monito leader M5s su Twitter dopo il no di Tutino a giunta Raggi

Grillo impone silenzio: stop al "fuoco amico" su Roma

Roma, 27 set. (askanews) - Anche un "buon padre di famiglia" - copyright Laura Castelli - a volte può perdere le staffe. Capita, quindi, che possa sbattere i pugni sul tavolo, chiedendo a tutti, in casa, di remare nella stessa direzione, senza alimentare ulteriori polemiche. Amplificate tra l'altro da una stampa che non vede l'ora di agitare otremodo il Movimento. A tre giorni dal suo ufficiale ritorno in campo da "capo politico", Beppe Grillo deve mettere un'altra toppa su una delle vicende interne più delicate (il completamento della giunta romana), resa ancora più complicata dopo l'ennesimo "no" a entrare nella squadra di Virginia Raggi. Così, poche ore dopo l'indisponibiltà manifestata da Salvatore Tutino, giudice della Corte dei Conti, a ricoprire il ruolo assessore al Bilancio, il leader M5s twitta: "Ringrazio di cuore tutti i portavoce M5s che non faranno né dichiarazioni né interviste su Roma nei prossimi giorni. Grazie di cuore a tutti".

Il messaggio è chiaro: basta con il "fuoco amico" sparato attraverso una stampa che non vede l'ora di sputarci addosso veleno, la comunicazione esterna torni ad essere univoca, senza eccezioni. Questo, secondo diverse fonti interne, il senso del "cinguettio" pomeridiano di Grillo, cosciente che la partita di Roma resta sempre centrale, nevralgia, per le sorti anche future dell'intero Movimento. Deciso a non permettere più che qualcuno, come Tutino, possa aver rifiutato il prestigioso incarico di al Campidoglio perché attaccato proprio dai 5 Stelle, la forza politica che sostiene il sindaco e la maggioranza in Consiglio comunale, alle prese con continue beghe e veleni interni.

Gli applausi di Palermo, lo scorso week-end, sembrano già lontani. E oggi, in Transatlantico, si rincorrevano diverse interpretazioni del tweet grillino. "A chi è rivolto?", "con chi se la prende stavolta?". Diversi i possibili co-destinatari, anche se, nello specifico del caso Tutino, i sempre bene informati punterebbero i riflettori sulle recenti interviste di Roberto Fico e Carla Ruocco, nei passaggi dedicati al giudice della Corte dei Conti. Il primo affermava: "Deve scegliere Virginia, ma su quella persona noi abbiamo fatto delle interrogazioni parlamentari, atti motivati e scritti che è bene che un sindaco 5 stelle valuti prima di decidere". La seconda sottolineava: "Sugli assessori come su altro, noi avevamo proposto tutti assieme un'idea del governo della città, condivisa. Ma il sindaco è Raggi, decida lei e poi, qualunque cosa succeda, si assuma le sue responsabilità".

Insomma, sarebbe un esempio di "fuoco amico" che l'M5s non può più permettersi e che il suo capo, di certo, non ha più alcuna intenzione di accettare. Quindi, bocche cucite. E non è un caso che un esponente di punta come Alessandro Di Battista, durante una pausa dei lavori d'aula, in Transatlantico stoppi sul nascere ogni tipo di domanda. A Roma anche Tutino ha detto no alla Raggi... "Parlo solo di referendum". E il richiamo di Grillo al silenzio? "Solo referendum...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni