sabato 03 dicembre | 20:55
pubblicato il 30/mag/2014 12:00

Grillo: governo boccia il reddito di cittadinanza

L'Istat lo critica, poi ripripone il nostro modello

Grillo: governo boccia il reddito di cittadinanza

Roma, 30 mag. (askanews) - "Il governo boccia il reddito di cittadinanza". Lo scrive Beppe Grillo su twitter pubbicando il link al suo blog dove i senatori Nunzia Catalfo e Daniele Pesco, primi firmatari delle proposte del Movimento 5 Stelle, spiegano: "L'Istat critica il 'Reddito di cittadinanza' e poi...ripropone il modello presentato a dicembre dal Movimento 5 Stelle!. Il reddito di cittadinanza proposto da più di un anno e inserito come emendamento alla legge di stabilità e al decreto Irpef dal M5S, bocciato dal Governo - spiegano - corrisponde a un sussidio monetario per le famiglie povere, commisurato al numero dei componenti delle famiglie e al reddito familiare. Il sussidio proposto dal Movimento 5 Stelle assicura a una famiglia con due figli 1.630 euro, 1.000 per un genitore con un figlio, e 1.330 per il singolo con due figli. La proposta è legata all'inserimento dell'individuo nella vita lavorativa e sociale e presenta inoltre: il riordino dei servizi per l'impiego, il fascicolo elettronico del cittadino e il salario minimo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari