sabato 10 dicembre | 04:48
pubblicato il 16/ott/2015 19:46

Grillo: "Due giorni memorabili". Da Imola M5s lancia Opa governo

Attese oltre centomila persone, anche Fo sul palco

Grillo: "Due giorni memorabili". Da Imola M5s lancia Opa governo

Imola, 16 ott. (askanews) - Sull'onda dei sondaggi in costante salita, che lo accreditano come unica alternativa reale al Pd nelle intenzioni di voto degli elettori, il Movimento 5 stelle lancia da Imola la sua Opa sull'Italia, provando a proporsi come forza di governo. Parlamentari, amministratori locali, attivisti e simpatizzanti si sono dati appuntamento sabato e domenica all'autodromo Dino Ferrari con l'obiettivo di far dimenticare definitivamente le gaffes, le lotte interne, le bizzarrie che hanno frenato (fino al clamoroso passo falso delle elezioni europee affrontate nel 2014 con lo slogan iettatorio "vinciamo noi") l'ascesa del più vasto fra i movimenti nati nell'Europa occidentale fuori dalle famiglie tradizionali della politica. "Saranno due giorni memorabili, le nostre stelle brilleranno. Ci vediamo domani a Imola, non più tardi delle ore 10. Vi aspetto!", è l'appello di Beppe Grillo sul blog. Appello aggiornato al suo arrivo a Imola: "Siamo pronti a governare - dice ai cronisti e alle telecamere che lo attendono fuori dall'hotel - ma non ci credete...". E "se andiamo alle elezioni a Roma vinciamo in una maniera straordinaria. E ci prendiamo il paese, lo sanno benissimo".

Al di là dei numeri (le presenze dovrebbero superare largamente le centomila persone, nelle attese degli organizzatori) e delle poche star del cast artistico, di cui Dario Fo è certamente la presenza più significativa, la due giorni imolese dovrà tirare a lucido l'immagine del M5s come movimento "programmatico". Al mattino funzioneranno le "agorà", gli incontri fra eletti, attivisti, semplici cittadini, e la vita scorrerà nei padiglioni: quello di Camera e Senato, quello del Parlamento Europeo, quello dei Meetup, dell'Anticorruzione, del Microcredito e di Sos Equitalia. Nei due pomeriggi prenderà vita il palco di 20 metri per 10, dove a più riprese interverrà Grillo. Inizialmente, tra le idee circolate fra gli organizzatori c'era anche l'ipotesi di lanciare una lista di "ministri ombra". Ma la personalizzazione di scelte così premature rispetto alla per ora ipotetica stagione di governo a 5 stelle, per di più senza alcuna ratifica attraverso il voto on line degli iscritti, rischierebbe di riaprire il vaso di Pandora delle liti interne. E' quello il rischio più temuto dal ponte di comando a 5 stelle. Non a caso oggi, con una insolita nota congiunta, il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, il capogruppo al Senato Gianluca Castaldi, e il capogruppo in Commissione Giustizia al Senato Enrico Cappelletti si sono affrettati a smentire il retroscena di un quotidiano sulla presunta spaccatura dei senatori e dei deputati stellati sul tema delle adozioni per coppie dello stesso sesso, in discussione nel ddl sulle unioni civili.

E' pur vero che, lasciata alle spalle la stagione dell'Aventino televisivo, il movimento ha cambiato pelle. Ora parla da tutti i tg e i talk show disponibili anche ai cittadini "comuni" e non solo a quelli della mitica e mitizzata "Rete". Ed ha sgombrato il campo, di fatto, anche dalla religione "uno vale uno", sostituita da gerarchie consolidate nella visibilità, nella popolarità, nell'autorevolezza dei diversi parlamentari. Il tutto senza rinunciare da un lato al gioco di squadra, dall'altro alla regia inflessibile esercitata dall'alto dalla coppia dei "fondatori", Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. Oggi perfino loro sarebbero in difficoltà, se dovessero cambiare idea e mettere in discussione, ad esempio, l'indicazione di Luigi Di Maio, il giovane e telegenico vicepresidente della Camera, come candidato premier in pectore. Ma il momento delle scelte definitive è ancora lontano, e difficilmente Imola potrà portare in dote un profilo di gruppo dirigente troppo definito pubblicamente.

Prevedibili show di Grillo a parte, la kermesse a 5 stelle avrà bisogno di un segnale, di un'idea che dia corpo alla manifesta ambizione di rappresentare il M5s come forza di governo. E nel frattempo, un osservato speciale a Imola ci sarà, proprio uno che nel governo, sia pure locale, si è esercitato: il sindaco di Parma Federico Pizzarotti. Firmò lui il primo successo elettorale di rilievo, con la clamorosa rimonta nel suo ballottaggio, e proprio lui ha rappresentato la prima grande delusione per i vertici del M5S: non ha ottenuto tutti i successi promessi, ha flirtato a lungo con i cosiddetti "dissidenti", si è fatto paladino della richiesta di democrazia interna e di un maggiore pragmatismo.

Anche quest'anno non troverà spazio sul palco centrale, almeno a giudicare dall'elenco degli oratori ufficiali reso noto sul blog di Grillo. Ma resta una figura ingombrante e rivendica il suo spazio con un post su Facebook nel quale vanta i risultati della sua giunta: "Siamo partiti - ricorda - con 870 milioni di debito sulle spalle dei parmigiani, un Comune tra i più importanti d'Italia che rischiava il dissesto. In tre anni il debito lo abbiamo quasi dimezzato. Ora Parma è la sesta Smart City d'Italia, tra le prime 20 per stabilità economica. Domani ci vediamo a Imola, perché se Parma è più bella, anche l'Italia diventa più bella". Il "nuovo" M5s dovrà fare i conti anche con lui.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina