mercoledì 22 febbraio | 17:23
pubblicato il 14/lug/2015 09:34

Grecia, Salvini: no prestiti Italia ad Atene, rivedere regole Ue

Le norme di Bruxelles "stanno massacrando l'economia italiana"

Grecia, Salvini: no prestiti Italia ad Atene, rivedere regole Ue

Roma, 14 lug. (askanews) - Matteo Renzi "non si azzardi a dare un euro alla Grecia" ma pensi piuttosto a rivedere le regole Ue. Lo ha ribadito il segertario della Lega Nord, Matteo Salvini in un'intervista a RTL 102.5. "Ditemi voi - è stato il ragionamento del leader leghista - se ha senso che la scorsa settimana l'INPS certifica che ci sono 15 milioni di italiani che vivono sotto la soglia di povertà, e in una situazione come questa - con 4 milioni di disoccupati e 15 milioni di poveri - io tiro fuori dalle tasche degli italiani altri 16 miliardi di euro da prestare a un'economia come quella greca che sta in piedi con l'elastico. Portalo in Parlamento, facciamo un referendum anche noi. Renzi non ci provi neanche - ha aggiunto Salvini - abbiamo degli impegni che però ci stanno strangolando". E' chiaro il riferimento dell'esponente del Carroccio al fatto che degli 82-86 miliardi di euro del piano deciso dall'Ue per aiutare Atene circa il 20% è a carico nostro.

Per Salvini "se qualcuno avesse un impegno, ma per mantenerlo sa che fra un mese sbatterà contro il muro, può pensare di ricontrattare questo impegno? Gli accordi europei, il Trattato di Maastricht, il Trattato di Schengen, di Lisbona, di Dublino, il patto di stabilità, se ti mettono in una gabbia e dopo 10 anni ti accorgi che in questa gabbia stai morendo perché manca l'ossigeno, puoi provare ad uscire dalla gabbia oppure sei un leghista, un fanatico, un euroscettico, un egoista, un razzista?".

Le regole europee, ha aggiunto, "stanno massacrando l'economia italiana, hanno chiuso 20.000 negozi dall'inizio dell'anno, 20.000 negozi nel 2015, 20.000 famiglie, 20.000 sacrifici, 20.000 storie. Poi ci sono i problemi italiani, la mafia, la camorra, la casta, quello che volete, ma evidentemente se eravamo la quinta potenza al mondo fino all'era del pre-euro e adesso siamo nelle difficoltà in cui siamo, possiamo ridiscutere le norme europee, o come dice Renzi non si tocca niente, non ci sono problemi e si va avanti così? Secondo me è folle".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe