lunedì 27 febbraio | 04:18
pubblicato il 26/set/2014 12:48

Grasso: Napoli non e' contro Stato, proteste richieste d'aiuto (2)

(ASCA) - Napoli, 26 set 2014 - "Si preferisce un racconto stereotipato: gli abitanti dei rioni attaccano lo Stato e proteggono la camorra. Questa facile rappresentazione - ha detto ancora il presidente del Senato - non restituisce la complessita' di un territorio, di tanti territori. D'altra parte non si puo' accettare il cinismo del 'se l'e' andata a cercare' o il razzismo verso chi sta peggio". Secondo Grasso, i problemi di quei quartieri sono "i problemi del Paese, ma elevati all'ennesima potenza: disoccupazione, precarieta', dispersione scolastica, assenza di servizi. Le proteste io le interpreto come una richiesta di aiuto e di attenzione. Lo Stato deve presidiare questi territori ma non solo manu militari". "Non possiamo ancora accettare che il luogo di provenienza - ha concluso il presidente del Senato - influenzi tutta la vita: nascere qui non deve segnare il destino di intere generazioni".

Psc/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech