martedì 06 dicembre | 13:58
pubblicato il 20/giu/2013 19:25

Grasso: Buscetta era juventino. Agnelli, unica cosa di cui non pentirsi

Grasso: Buscetta era juventino. Agnelli, unica cosa di cui non pentirsi

(ASCA) - Roma, 20 giu - ''Falcone dopo essersi incontato con Gianni Agnelli mi riferi' una battuta gustosissima di quel colloquio che doveva durare mezz'ora e invece si prolungo' per tre ore. Falcone racconto' tra l'altro all'Avvocato che Buscetta, il primo pentito sotrico della mafia, era juventino. Agnelli gli rispose pronto: ecco l'unica cosa di cui non dovra' mai pentirsi''. A raccontarlo e' stato il presidente del Senato, Pietro Grasso nel corso della presentazione del libro di Marcello Sorgi ''Le sconfitte non contano'' (ed.Rizzoli) a Palazzo Giustiniani.

''Falcone - ha poi aggiunto Grasso - mi riferi' il fatto dicendo di non aver mai trovato una persona cosi' preparata sulla mafia come Agnelli, fino al punto da ritenersi lui stesso uno scolaro''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni