domenica 04 dicembre | 03:31
pubblicato il 05/ott/2015 11:20

Grasso: a governi forti devono corrispondere Parlamenti forti

"In ultimi anni tendenza squilibrio tra esecutivo e legislativo"

Grasso: a governi forti devono corrispondere Parlamenti forti

Roma, 5 ott. (askanews) - "A governi forti devono corrispondere Parlamenti forti". Lo ha detto il presidente del Senato Pietro Grasso, intervenendo a Montecitorio al primo forum Italia, America Latina e Caraini.

"Viviamo - ha aggiunto - un momento complesso e difficile del rapporto fra cittadini e istituzioni. La politica odierna è lacerata da spinte contrapposte: da una parte l'esigenza di efficienza e speditezza dell'azione di governo; dall'altra la necessità di ricostruire e rafforzare i meccanismi democratici di rappresentanza dei bisogni dei cittadini. Noi dobbiamo essere gli interpreti di tali bisogni, anche in chiave di cooperazione internazionale. Al dialogo multilaterale fra i governi spetta delineare le macro-strategie politiche e individuare le corrispondenti azioni di governo. La diplomazia parlamentare invece per sua natura può dedicarsi, con la profondità e la serenità che i ritmi e le rigidità dei contesti governativi non sempre consentono, alle grandi scelte valoriali e geopolitiche, che precedono la definizione delle strategie politiche, sulle quali poi i parlamenti intervengono attraverso il controllo democratico. Nostro obiettivo prioritario è, pertanto, elevare la qualità della democrazia, restituendo centralità ai parlamenti quali sedi della sovranità popolare, della produzione legislativa e controllo sull'operato dei governi"

Rilevando che "negli ultimi anni, in tanti paesi del mondo occidentale abbiamo assistito a una tendenza allo squilibrio del rapporto tra funzione legislativa e potere esecutivo che non aiuta a sviluppare meccanismi di partecipazione al processo decisionale e allontana il cittadino dalle istituzioni e dalla politica", secondo il presidente del Senato la sfida della cooperazione interparlamentare è "trovare formule per rafforzare il ruolo delle assemblee rappresentative partendo da temi concreti, dalle istanze di tutela dei diritti fondamentali, dalle aspettative di vita e affermazione personale, soprattutto dei giovani e dalle aspirazioni di crescita economica che ogni giorno i nostri cittadini ci chiamano a soddisfare, con uno sguardo rivolto anche alle future generazioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari