sabato 21 gennaio | 12:33
pubblicato il 06/feb/2014 14:24

Grandi navi: Zanda,Pd chiede approfondita valutazione impatto ambientale

Grandi navi: Zanda,Pd chiede approfondita valutazione impatto ambientale

+++''Su Venezia nessuna nazione al mondo trascurerebbe cautele''+++.

.

(ASCA) - Roma, 6 feb 2014 - ''La necessita' e' che le diverse idee progettuali per la navigazione delle grandi navi da crociera non prevedano sacrifici per i livelli occupazionali e siano tutte sottoposte ad una sollecita valutazione di impatto ambientale, tutte con un medesimo grado di approfondimento tecnico, cosi' da rendere reale e trasparente il loro confronto. Questo e' il contenuto del dispositivo della mozione unitaria che i senatori del Partito Democratico voteranno e che pone un'esigenza seria''. Lo afferma il presidente dei senatori del Pd Luigi Zanda nel corso della dichiarazione di voto sulle mozioni sulle grandi navi. ''Nessuna nazione del mondo, dovendo operare su un tessuto prezioso come Venezia, trascurerebbe queste cautele - prosegue -. La salvaguardia fisica, economica, sociale e culturale di Venezia e' vitale per la citta' e per il mondo.

Ma questo obiettivo perderebbe senso se i diversi interventi non tenessero conto della compenetrazione tra citta' e laguna, se chi protegge la laguna non si curasse dell'occupazione che non c'e', se chi spinge verso lo sviluppo non si accorgesse del degrado culturale''. ''Gran parte degli squilibri dell'ecosistema veneziano sono un effetto diretto delle scelte fatte tra la fine degli anni '40 e gli anni '60. Etano altri tempi. Mancavano gli strumenti per prevedere le conseguenze a medio e lungo tempo di decisioni che allora in Italia apparivano, anzi erano, lungimiranti. Quando a Venezia si emungeva l'acqua dalle falde e si scavava il canale dei petroli, a Mantova, Cremona, Moncalieri, Falconara Marittima, Livorno, Macchiareddu, Sarroch, Ravenna sorgevano raffinerie, a Taranto e a Bagnoli nascevano grandi centri siderurgici, a Milano, Ferrara, Mantova, Assisi, Porto Empedocle, Brindisi importanti impianti chimici. Lo ricordo non per rimettere in discussione quelle scelte, sulle quali ha poggiato gran parte del boom del dopoguerra, che hanno favorito tanta occupazione, che hanno fatto dell'Italia la settima potenza industriale del mondo. Ricordo quegli anni nel tentativo di far meglio comprendere quanto il mondo sia cambiato e che l'Italia del 2014 non puo' permettersi di sottovalutare i rischi che conosce. Oggi - conclude Zanda - abbiamo tutti gli strumenti per prevedere quali conseguenze avranno nel tempo i nostri interventi. Questo accresce molto la nostra responsabilita'''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4