domenica 04 dicembre | 16:10
pubblicato il 19/apr/2012 09:17

Governo/Tensione in maggioranza su Passera, Monti a prova numeri

Al via alla Camera dibattito su fiducia n.15, 'verdetto' alle 13

Governo/Tensione in maggioranza su Passera, Monti a prova numeri

Roma, 19 apr. (askanews) - E' iniziato alla Camera il dibattito sulla fiducia al Governo Monti posta ieri dal ministro Piero Giarda a nome dell'esecutivo sul decreto fiscale. La chiama dei deputati ci sarà intorno a mezzogiorno, dopo circa un'ora è attesa la proclamazione del risultato. Si tratta della fiducia numero 15, la prima a Montecitorio dopo il richiamo su richiesta delle opposizioni Idv e Lega venuto dal Colle all' esecutivo sul ricorso alla decretazione d'urgenza e al ricorso a procedure che bypassano l'ordinario iter legislativo parlamentare. Decisione tecnica, quella di porre la fiducia, legata ai tempi obbligati per la conversione in legge del decreto ma che assume valenza decisamente politica a causa delle tensioni in crescendo in queste settimane dentro la maggioranza, non sedate dalle sei ore di vertice notturno Monti-Abc di martedì e se possibile acuite dall'annuncio ieri sera del leader Udc Pier Ferdinando Casini, il più fedele e convinto sostenitore del governo Monti e della trasformazione della 'maggioranza strana' in alleanza politica, se possibile anche elettorale, di un rilancio in queste ore del 'Partito della nazione' in gestazione nel Terzo Polo, con l'adesione anche di "ministri tecnici" al progetto, insieme a forze politiche e personalità di diversa estrazione. Corrado Passera, 'faccia' della crescita e dello sviluppo in primis, uomo chiave nella annunciata ma ancora non decollata 'fase due' del governo Monti. L'annuncio di Casini giunto a tarda sera è stato benzina sui covoni già ardenti nel Pdl, dopo il via libera del Governo annunciato proprio da Passera alla gara sulle frequenze tv e l'annullamento definitivo del beauty contest. Una scelta messa all'indice pubblicamente dai vertici Mediaset (da Fedele Confalonieri a Piersilvio Berlusconi) e a causa della quale l'ex Premier Silvio Berlusconi ha annullato il pranzo a palazzo Chigi con il Presidente del Consiglio Mario Monti, da lui ufficialmente annunciato e confermato ancora poche ore prime del 'no grazie' di palazzo Grazioli, che pure ha motivato la decisione in chiave pro-Monti: "per evitargli imbarazzi", appunto, sulle frequenze tv.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari