martedì 21 febbraio | 15:27
pubblicato il 16/nov/2011 14:17

Governo/Severino prima donna Guardasigilli,con passione teatro

Una carriera alla Luiss, ma ha difeso anche Prodi e la Fininvest

Governo/Severino prima donna Guardasigilli,con passione teatro

Roma, 16 nov. (askanews) - Da oggi è il primo ministro della Giustizia donna, nel 1998 era il manager pubblico più ricco (3,3 miliardi di vecchie lire dichiarati) ed è mossa da una passione per il teatro, dove interpreta, che altro se no?, il ruolo dell'avvocato difensore. Questa è Paola Severino, da oggi ministro della Giustizia che succede a Nitto Palma e che avrà il duro compito di ricostruire i molto logori rapporti tra toghe e politica e riformare la giustizia civile. Di lei si sa che è stata la prima donna a salire al rango di vicepresidente del Consiglio Superiore della magistratura militare (Dal 30 luglio 1997 al 30 luglio 2001), che da candidata Udc ha sfiorato la nomina a vicepresidente del Csm e che è tra i più noti penalisti d'italia. Laureata in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Roma 'La Sapienza', con la votazione di 110/110 e lode, Paola Severino ha lavorato nell'entourage di Giovanni Maria Flick, che sarà poi nominato ministro della Giustizia nel governo di Romano Prodi. Ha difeso lo stesso Prodi nel processo Cirio, ma anche Giovanni Acampora, legale della Fininvest coinvolto nel processo Imi-Sir. Fra i suoi importanti clienti figurano quindi l'Eni e il gruppo di Francesco Gaetano Caltagirone e, perfino, l'Unione delle comunità ebraiche, che ha rappresentato contro Erich Priebke. Lunga anche la carriera da docente, iniziata nel 1987 alla Facoltà di Economia e Commercio dell'Università di Perugia, Cattedra di Diritto penale commerciale e proseguita alla Luiss Guido Carli di Roma, dove ha iniziato nel 1990. Dal 1 novembre 1998 è titolare, in qualità di professore di ruolo di I fascia, della Cattedra di Diritto penale poi, dal 1 maggio 2003 al 29 maggio 2006, è stata Preside della Facoltà di Giurisprudenza e quindi, dal 29 maggio 2006, prorettore. Severino è inoltre direttore del Master in Diritto penale d'Impresa sempre presso la LUISS. Ma Paola Severino è anche attrice p0er diletto. Nell'estate 2003 ha infatti recitato al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel processo a Charlotte Corday, l'assassina di Jean Paul Marat. Lei era l'avvocato difensore mentre Antonio Di Pietro la pubblica accusa. L'anno successivo, sul medesimo palcoscenico ha preso la difesa di Galeazzo Ciano. L'ultimo ruolo da lei interpretato è stato presso l'Auditorium di Roma, nello scorso maggio. Qui ha addirittura vestito i panni del difensore di Galileo Galilei nel famoso processo che lo ha visto protagonista.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia