mercoledì 07 dicembre | 23:08
pubblicato il 22/lug/2011 05:10

Governo/Salta incontro Bossi-Berlusconi, "test fedeltà" per Lega?

E l'orizzonte del Cavaliere sembra ancora quello del 2013

Governo/Salta incontro Bossi-Berlusconi, "test fedeltà" per Lega?

Roma, 22 lug. (askanews) - Silvio Berlusconi e Umberto Bossi si dovranno chiarire faccia a faccia, per capire se - dopo la spaccatura della maggioranza nel voto su Alfonso Papa - esista ancora un asse Lega-Pdl a sostegno del governo. Ma l'incontro non si terrà presto come il presidente del Consiglio avrebbe voluto. Il senatur non sarà infatti al Consiglio dei ministri di oggi, a causa di una operazione alla cataratta a cui si è sottoposto ieri. "Oggi non ho sentito Bossi, sono partito stamane dall'Italia. Gli ho telefonato per fargli gli auguri ma non l'ho trovato" ha detto Berlusconi, lasciando il vertice Ue a Bruxelles, e ridimensionando il mancato incontro: "Bossi è stato impedito" a partecipare alla riunione dell'esecutivo dall'intervento di cataratta. "Non credo sia un momento delicato, ci sono state situazioni interne a un partito della coalizione, ma ho avuto rassicurazioni precise che non c'è nessun rischio per la coalizione di governo". Ma a chi gli chiedeva se abbia chiarito con il ministro dell'Interno Roberto Maroni dopo il caso Papa: "Tutto chiarito? Altra domanda...", ha replicato il Cavaliere. Così dopo il voto storico della Camera a favore dell'arresto di un deputato, nella maggioranza si continua a riflettere sulle conseguenze. Il presidente del Consiglio in realtà starebbe valutando se mettere alla prova l'alleato Bossi. La modalità è in corso di valutazione, una delle ipotesi sarebbe quella di accelerare su un provvedimento delicato - (le intercettazioni?) - e vedere se il Carroccio è pronto a garantire ancora la fiducia all'esecutivo. I vertici del Pdl hanno sondato le intenzioni della Lega in un incontro con Roberto Calderoli. Nulla è ancora deciso. Certo, il premier preferirebbe risolvere la questione con il ricorso al faccia a faccia con il senatùr. Ma stavolta c'è un problema in più, come ha ripetuto Berlusconi a tutti gli interlocutori, "Umberto non garantisce più per i suoi e ha ricevuto uno schiaffo da Maroni". E già, perché proprio Bossi aveva assicurato un esito diverso per la vicenda Papa, "mi aveva detto che tutto sarebbe andato a posto". Non è finita così. L'orizzonte del premier, riferiscono non senza stupore alcuni dirigenti del Pdl, sembra comunque rimanere quello del 2013. Nonostante tutto, nonostante soprattutto le insistenti voci su una Lega pronta a sfilarsi, Berlusconi - come accadde con i finiani - sembra voler adottare la medesima strategia: andare avanti, farsi sfiduciare, certo non mollare. Nonostante, riferiscono, le insistenti voci su nuove ondate giudiziarie pronte ad abbattersi su un partito ancora sotto choc per l'arresto di Papa. E nonostante un umore cupo, mostrato anche alle telecamere che ne intercettavano l'ingresso al vertice straordinario Ue, dove il Cavaliere ha trascorso l'intera giornata a contatto con i leader europei, incassando l'apprezzamento europeo per la manovra appena varata, lontano dai problemi italiani e da Roma.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni