martedì 21 febbraio | 16:02
pubblicato il 20/giu/2011 20:39

Governo/Opposizioni escludono sfiducia ma non voto su documento

Si decide domattina in Senato, con 'conta' si rischia boomerang

Governo/Opposizioni escludono sfiducia ma non voto su documento

Roma, 20 giu. (askanews) - Mancano meno di 24 ore all'avvio della verifica di maggioranza chiesta oltre un mese fa dal Quirinale e al Senato la situazione è tutta in divenire. Domani alle 16 il premier Silvio Berlusconi si presenterà davanti all'aula di Palazzo Madama e, al momento, le opposizioni stanno ancora valutando l'opportunità di presentare un documento su cui poi chiedere un voto. Se la mozione di sfiducia sembra esclusa non vi sono certezze neppure su mozioni di ordine diverso. La domanda, che rimbalza dall'Idv al Pd fino all'Udc è infatti una: conviene andare a un voto che Berlusconi, con i numeri che la maggioranza ha al Senato, potrebbe superare agevolmente? la preoccupazione, insomma, è scongiurare l'effetto 'boomerang'. Se l'Udc ha già scelto di non presentare alcun documento per Partito democratico e Italia dei valori tutto si deciderà domani mattina. Alle 11 si terrà la riunione del gruppo Pd al Senato nella quale si farà il punto della situazione dopo un aggiornamento, non è chiaro se personalmente o con contatti telefonici, con il segretario Pier Luigi Bersani. Nell'Idv, che alla Camera ha presentato due documenti su missioni all'estero e spostamento dei ministeri al nord per mettere in difficoltà il governo, si è ragionato per tutta la giornata sul da farsi, mantenendo contatti con il Partito democratico. L'idea è infatti quella di adottare una linea comune. In un primo momento si era valutata l'opportunità di presentare un documento nel quale collegare l'allargamento della maggioranza, con nuovi posti da sottosegretario, al ventilato spostamento al nord di alcuni ministeri in modo da far cadere in contraddizione il governo. Ma poi si è ragionato sul fatto che i numeri che la maggioranza ha al Senato sono talmente ampi che è meglio puntare ad andare alla 'conta' alla Camera. Resta da considerare, al di là dei calcoli numerici, l'opportunità politica di presentare mozioni o simili. Niente è deciso ma per ora il Senato potrebbero essere teatro solo di dichiarazioni politiche da parte dell'opposizione senza chiedere una verifica sui numeri che potrebbe ritorcersi contro. Il dubbio sarà svelato solo domani in tarda mattinata, a poche ore dall'arrivo del premier a Palazzo Madama.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia