sabato 03 dicembre | 12:41
pubblicato il 24/apr/2013 12:00

Governo/Enrico Letta torna a palazzo Chigi,da Premier a 46 anni

Solo Goria Presidente più giovane del ministro più giovane storia

Governo/Enrico Letta torna a palazzo Chigi,da Premier a 46 anni

Roma, 24 apr. (askanews) - Enrico Letta si accinge a tornare a palazzo Chigi da Presidente del Consiglio, da lui ben conosciuto e frequetato da anni come Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del secondo Governo Prodi dal 2006 al 2008 e da ministro dell'Industria e delle Politiche Ue nei due governi D'Alema (primo e secondo, 1998-2000) e nel successivo secondo Governo Amato (2000-2001). Nato a Pisa il 20 Agosto 1966, Letta - sposato con tre figli Giacomo, Lorenzo e Francesco- compirà 47 anni da Primo Ministro. Ha potuto vantare finora il 'titolo' di ministro più giovane della Repubblica (a 33 anni) mentre, per qualche anno di troppo, dovrà accontentarsi del secondo posto nella 'classifica' dei presidenti del Consiglio di più verde età. Giovanni Goria, infatti, aveva 44 anni quando nel luglio 1987 formò il suo unico governo ('di decantazione' lo si definì allora), durato poco meno di un anno. Un protagonista della politica italiana, mai troppo esposto in prima linea. Come lo zio Gianni, anche Enrico Letta ha sviluppato doti di mediatore preferendo lavorare nelle retrovie dei partiti per tessere le trame. A Pisa Letta ha frequentato Scienze Politiche alla scuola Superiore Sant'Anna e a venticinque anni è già una promessa dell'universo democristiano, come presidente dei giovani Dc europei. Passa dal Partito Popolare alla Margherita, prima di entrare nell'Ulivo insieme a Romano Prodi, di cui sarà un fedele sostenitore nella futura galassia delle correnti del Partito Democratico. Per molti è stato fin da subito una promessa della politica italiana, nonostante sembrasse condannato al ruolo dell'eterno secondo. In realtà Letta può vantare tanti record in carriera: è stato il più giovane ministro della Repubblica ai tempi del governo D'Alema del 1998, quando fu nominato al dicastero per le Politiche Comunitarie. Poi è ministro dell'Industria e successivamente sottosegretario alla presidenza del Consiglio ne governi Prodi. Dopo aver ceduto il posto a palazzo Chigi allo zio Gianni Letta, sottosegretario del premier Berlusconi, si dedica alla costruzione del Partito Democratico. Alle primarie per la scelta del segretario del nuovo partito è terzo dietro a Rosy Bindi e Walter Veltroni. Ministro "ombra" al ministero del Welfare durante il governo Berlusconi, Letta scala poi i vertici del partito, dove siede sulla poltrona di vice-segretario nell'era Bersani fino alla debacle del Pd nell'elezione del dodicesimo presidente della Repubblica, una sconfitta che l'ha trascinato nell'azzeramento dell'intera segretaria del partito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari