domenica 04 dicembre | 15:46
pubblicato il 17/set/2011 17:45

Governo/Casini:Berlusconi pensa ad altro, faccia passo indietro

Consenta all' Italia di essere governata, stiamo perdendo tempo

Governo/Casini:Berlusconi pensa ad altro, faccia passo indietro

Roma, 17 set. (askanews) - Berlusconi pensa ormai ad altro e perciò deve andarsene. Il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini usa toni duri per ribadire il suo pensiero alla luce delle nuove intercettazioni che coinvolgono il presidente del consiglio. "Il presidente del consiglio - ha detto Casini intervenendo al Meeting 2011 di Confesercenti - da tempo ha smesso di governare il Paese. Non ne ha più voglia, non è un giudizio morale ma politico: di fronte a questo, faccia un passo indietro e trovi all'interno del suo partito quelle persone che lui pensa abbiano le risorse per fare qualcosa di buono per il paese". Berlusconi, ha aggiunto ,"è impegnato in altre cose per cui oggi faccia un passo indietro, consenta all'Italia di essere governata da qualcuno che ci crede a governare e a cambiare le cose perché questo è necessario, stiamo perdendo tempo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari