martedì 21 febbraio | 23:17
pubblicato il 06/feb/2011 09:19

Governo/Casini:Berlusconi lasci e ok nuovo rassemblement moderati

Il Premier non andrà al Quirinale. Udc mai alleato politico Pd

Governo/Casini:Berlusconi lasci e ok nuovo rassemblement moderati

Roma, 6 feb. (askanews) - Nuovo invito dal leader Udc Pier Ferdinando Casini al Premier Silvio Berlusconi a dimettersi e consentire la formazione di un nuovo governo con un altro premier che consenta "di realizzare le grandi riforme, giustizia compresa, di cui il Paese ha bisogno". "Berlusconi - dice Casini in una intervista al quotidiano della Cei 'l'Avvenire' ormai è diventato un ostacolo anche per i suoi compagni di cordata.Faccia un passo indietro: sarà finalmente possibile riformare la giustizia e realizzatre alleanze oggi impensabili guardando al Ppe". "Non ti gatantisci - dice Casini rivolgendosi ditrettamente al Premier- restando immobile nel bunker. Restare asseragliato da solo rende infinitamente più debole.Il mio è un invito forte ad aprire una fase nuova: a capire che è ancora possibile un grande rassemblemant dei moderati. E$' che tempo di fare scelte coraggiose". Anche perchè, a giduizio di Casini, Berlusconi ormai è già definitivamente fuori dalla possibilità di succedere a Giorgio Napolitano al Quirinale. "Berlusconi - dice in proposito -non può correre per il Colle: non è mai riuscito a pacificare il Paese: lo ha anzi eccitato, lo ha imbarbarito e ne ha ferito l'anima". E, d'altra parte "la maggioranza - assicura il leader Udc- ha altri nomi di valore su cui puntare". E a garanzia della serietà dell'offerta politica sul nuovo rassemblement di centrodestra non guidato da Berlusconi, Casini dice parole chiare sulla impossibilità di una 'santa alleanza' elletorale contro Berlusconi, insieme al Pd. "Chi ci scommette - dice- scommette male. Io lavoro per un Paese che non abbia bisogno di 'sante alleanze' ma pefchè la politica abbia unun sussulto. Quello non è il mio progetto. Non credo a quella prospettiva. C'è solo una possibilità che si realizzi: dovrebbero saltare le condizioni di normalità democratica. Berlusconi dovrebbee perdere la testa e cominciare ad attaccare Capo dello Stato e Costituzione. Questo rischio oggi non esiste. E prego Dio che questo epilogo non si realizzi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia