mercoledì 22 febbraio | 03:10
pubblicato il 17/set/2011 05:15

Governo/Bossi agita crisi: 2013 troppo lontano.E rilancia Padania

Maroniti: Bene frasi su governo. Ma bocciano successione Trota

Governo/Bossi agita crisi: 2013 troppo lontano.E rilancia Padania

Roma, 17 set. (askanews) - Anche per Umberto Bossi ormai "il 2013 è troppo lontano". Dalle sorgenti del Po per il rito dell'ampolla, il leader leghista esprime tutti i suoi dubbi sulla tenuta della maggioranza, rinserrando il Carroccio sui temi delle origini: secessione, Padania, gabbie salariali territoriali, e il no ad ogni intervento sulle pensioni del Nord. Un'alzata di toni che ha una sua spiegazione, dicono dal suo entourage, anche nell'attacco durissimo sferrato da 'Panorama' alla moglie Manuela: "Sono degli stronzi, hanno danneggiato la mia famiglia", dice lo stesso Bossi. L'avvertimento più duro ed esplicito arriva al termine di un comizio a Paesana, provincia di Cuneo: "Il governo per adesso va avanti, poi vediamo", ma la scadenza naturale dell'esecutivo, il 2013, "mi sembra troppo lontano". Allora meglio preparare "qualcosa di alternativo", ovvero "la Padania", perchè ormai "che l'Italia vada a picco lo hanno capito tutti". Anche se per la secessione, invocata a gran voce dai militanti radunati per la cerimonia dell'ampolla, avverte che certi passi vanno fatti quando la storia lo permette, altrimenti diventa caos e una guerra inaccettabile". Dopo aver rivendicato di averla "spuntata" nel bloccare i tagli alle pensioni, dopo aver assicurato che "troveremo il modo di aiutare i Comuni" colpiti dai tagli della manovra, dopo aver rilanciato i contratti territoriali, Bossi prova a tracciare la rotta per una Lega "un po' ammaccata". E allora alle sorgenti del Po ecco l'investitura del 'Trota': "Io verrò qui tutti gli anni e dopo di me mio figlio. Ha 23 anni, bisogna svegliarlo, portarlo in mezzo alla gente e fargli vedere la vita vera". Nel frattempo, "Roberto Calderoli è il mio braccio destro a Roma, è bravo, è un grande lavoratore". Messaggi contraddittori, per l'ala maronita del partito. Da un lato la soddisfazione per l'avviso di sfratto al governo, dall'altro i dubbi sulla successione dinastica alla guida del movimento. "Che Bossi abbia riconosciuto la necessità di aiutare i Comuni e soprattutto che abbia riconosciuto che così è difficile andare avanti al governo, è senz'altro positivo", dice un deputato vicino al ministro dell'Interno. Ma i suoi colleghi non nascondono il fastidio per l'investitura di Renzo: "Siamo un partito, non è così che si sceglie il futuro leader". Anche se qualcuno prova a minimizzare: "Dopo l'attacco di 'Panorama' ci poteva stare... E poi è normale che un padre speri il meglio per il figlio". Detto questo, "i segretari li scelgono i congressi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia