martedì 24 gennaio | 18:35
pubblicato il 19/mag/2011 09:35

Governo/Bersani:Bossi deve scegliere,Tremonti ipotesi indebolita

Tardi per Berlusconi dargli spazio.Per noi tutto è meglio di ora

Governo/Bersani:Bossi deve scegliere,Tremonti ipotesi indebolita

Roma, 19 mag. (askanews) - "Tutto è meglio del governo Berlusconi" ed "è improbabile che in queste condizioni questo governo arrivi al 2013" ma "la cosa più probabile dopo una crisi sarebbero le elezioni anticipate". Il segretario del Pd Pierluigi Bersani, intervistato dal Messagero all'indomani delle cinque sconfitte del Governo alla Camera in un solo giorno, si è detto convinto che "la sofferenza della Lega è molto profonda". E quindi la fine politica dell'alleanza con Berlusconi potrà essere anche indipendente dall'esito dei ballotaggi amministrative. Anche qualora Silvio Berlusconi desse più spazio a Giulio Tremonti in questo Governo, magari come Vicepremier - come alcune indiscrezioni di stampa hanno lasciato trapelare- o addirittura si dicesse pronto a cedere al ministro dell'Economia la premiership per un nuovo governo di centrodestra. "L'ipotesi Tremonti - ha affermato Bersani - poggiava su due piedistalli: Pdl e Lega. Anche ammesso e non concesso che Berlusconi voglia cedere il passo, resta il fatto che si sono di molto ridotti entrambi i sostegni: per questo l'ipotesi mi sembra oggi più debole, la sofferenza della Lega è profonda e reale". "Nulla - ha sottolineato Bersani in vista della verifica parlamentare sul Governo che ci sarà subito dopo i ballottaggi amministrativi su richiesta del Quirinale- è scontato. Le sconfitte della maggioranza alla Camera come il rinvio della legge sul biotestamento sono la prova di una fragilità ormai insostenibile. Penso che non convenga neppure al Pdl continuare a nascondere la realtà. L'idea di puntellare con Scilipoti un governo minoritario è drammaticamente insensata per un Paese che ha bisogno di crescere e ridurre le fratture sociali". Di contro, "noi non consentiremo al Carroccio di stare con un piede in due scarpe" e "alla Lega non rivolgiamo un appello ma una sfida. Non può più fare il paladino del federalismo e imporre ai Comuni tasse aggiuntive. Non può più invocare legalità e votare le leggi ad personam di Berlusconi. Bossi ha subito una sconfitta inattesa anche per lui. Il tempo della doppia verità leghista in cui al Nord si dice una cosa e a Roma si fa il contrario è finito. Devono scegliere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4