mercoledì 07 dicembre | 19:44
pubblicato il 21/giu/2011 21:55

Governo/Berlusconi a quota 317 ma teme P4 e 'inquietudine' Maroni

Premier assicura:'avanti fino a 2013'. Con paura trappole estive

Governo/Berlusconi a quota 317 ma teme P4 e 'inquietudine' Maroni

Roma, 21 giu. (askanews) - Più che dell'avvertimento bossiano, "nulla è scontato in una verifica", Silvio Berlusconi teme il silenzio di Roberto Maroni. Le scosse di assestamento nel campo leghista, che mettono a rischio la tenuta della presidenza di Marco Reguzzoni nel gruppo padano della Camera, non rappresentano altro che il riflesso di quanto sta accadendo nella fila del Carroccio e dell'attivismo del ministro dell'Interno. E così, insieme alla soddisfazione per i numeri di una maggioranza che è tornata oggi alla Camera a scavallare 'quota 316', il Cavaliere vive queste ore con un pizzico di preoccupazione. Siccome a volte alcune scene descrivono bene certe situazioni, vale la pena ricordare quella accaduta oggi al Senato. Il premier è riunito nella sala del governo di Palazzo Madama. Con lui discutono 'a porte chiuse' Roberto Calderoli, Gianni Letta e Giulio Tremonti. Secondo alcune fonti si affrontano questioni tecniche, la tabella parlamentare della maggioranza in vista di un'estate tutta dedicata a importanti provvedimenti economici. Roberto Maroni arriva fin sull'uscio della porta della sala, con lui Renato Schifani. Solo che il secondo si unisce alla comitiva di governo, mentre il responsabile dell'Interno torna indietro, senza neanche entrare. Non è un mistero, ripetono dal Pdl, che il Cavaliere conoscesse da tempo il contenuto dell'intervento del senatùr a Pontida. I due ne avevano discusso in aereo, pochi giorni prima del raduno leghista. Più che delle mosse di Bossi, il premier nei colloqui privati non nega di osservare con attenzione le mosse del responsabile del Viminale. Conversando oggi con una deputata alla Camera, il Cavaliere ha fotografato così il titolare dell'Interno: è "inquieto", ha detto. Sia come sia, Berlusconi esce comunque rafforzato dai 317 voti ottenuti sul dl sviluppo a Montecitorio. Eppure, fra l'inchiesta P4 e il fermento in casa padana, il premier teme che i mesi estivi possano dimostrarsi più caldi e complicati di quanto i numeri della maggioranza possano lasciare immaginare. Per questo pubblicamente assicura che il governo andrà avanti fino al 2013, ma in privato avrebbe espresso il timore che abbia i mesi contati. E, d'altra parte, in cima ai pensieri del premier sembra esserci anche il problema dell'inchiesta P4. Anche di questo ha discusso fino a tarda notte nel summit convocato ieri sera a Palazzo Grazioli. E sempre di questo, secondo alcuni parlamentari presenti in Transatlantico, avrebbero discusso brevemente a Montecitorio il Cavaliere, Ghedini e Stefania Prestigiacomo. Preoccupato, così si è detto Berlusconi. Non per il contenuto, dell'inchiesta P4, ma perché ritiene possibile e anzi probabile un vero e proprio "stillicidio" di rivelazioni. Che il premier teme saranno date 'in pasto' alla stampa nei prossimi giorni. Una preoccupazione confermata dallo spettro che ormai aleggia nel Pdl, quello di nuove intercettazioni, quelle contenute sembra in oltre novemila pagine di trascrizioni ambientali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni