martedì 17 gennaio | 10:00
pubblicato il 08/lug/2011 21:35

Governo/ Voci dimissioni Tremonti, poi tregua imposta da mercati

Con Berlusconi colloquio teso. C'è ipotesi abbandono dopo manovra

Governo/ Voci dimissioni Tremonti, poi tregua imposta da mercati

Roma, 8 lug. (askanews) - Le voci sono iniziate già ieri notte e si sono rincorse per tutta la giornata. Poi una nota del Ministero dell'Economia ha chiarito che martedì prossimo Giulio Tremonti coordinerà la riunione dei ministri delle Finanze del Ppe. Ma sono in tanti, nel governo, a raccontare che a palazzo Chigi il superministro dell'Economia era entrato con la determinazione di lasciare, stasera o al massimo domani. Alla fine, è prevalsa la decisione di mandare un messaggio ai mercati: Tremonti resterà alla guida di via XX settembre, anche se - spiega una fonte autorevole - "approvata la manovra sarà libero di prendere la decisione che ritiene più opportuna". Stavolta a stoppare il passo indietro del ministro, raccontano fonti di governo, è stato proprio il suo 'rivale' Silvio Berlusconi, spalleggiato da Letta e con l'avallo del Colle: troppo forte la pressione della speculazione sull'Italia, con la Borsa che crolla e lo spread con il bund che sale a livelli pre-euro, e troppo alto il rischio di far saltare il banco. E infatti il Capo dello Stato già ieri metteva in guardia sulla necessità che la stabilità dei conti sia obiettivo condiviso. E anche oggi dal Colle confermano che la vigilanza e l'attenzione sulla solidità del bilancio sono continue. Il colloquio a palazzo Chigi viene descritto come "molto teso", iniziato in un clima pesante e conclusosi senza miglioramenti. Ma l'esito sembrava già scritto, obbligato dalla situazione finanziaria: mentre l'incontro era ancora in corso, dal Pdl assicuravano che al termine si sarebbe garantita la tenuta dell'esecutivo, con un unico obiettivo: l'approvazione della manovra entro l'estate, il pareggio di bilancio entro il 2014. Esattamente i contenuti della nota rilasciata da palazzo Chigi a mercati ancora aperti. Una tregua obbligata, spiegano fonti di maggioranza, l'unica possibilità per evitare l'assalto della speculazione. Ma una tregua che non ricompone il rapporto tra il premier e il ministro, ormai pubblicamente lacerato. E anche dalla Lega l'ipotesi di dimissioni future del ministro viene ritenuta possibile, e nel Pdl gli avversari del superministro sono tanti. Del resto fonti vicine a Tremonti lo descrivono molto provato, in partenza per Pavia - dopo aver passato la notte ospite di amici e non a Campo Marzio - per un weekend in cui proverà a dimenticare la settimana nera che ha visto in fila lo scontro pubblico con Berlusconi, il video in cui dà del cretino a Brunetta, e la richiesta d'arresto dell'ex collaboratore Marco Milanese. Poi forse già lunedì a Roma per l'entrata nel vivo del percorso parlamentare della manovra, e martedì sicuramente a Bruxelles per la riunione dei ministri delle Finanze popolari, ancora da Ministro dell'Economia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello