martedì 21 febbraio | 16:13
pubblicato il 28/mag/2011 11:18

Governo/ Verifica ancora congelata, ora non 'conviene' a nessuno

Più probabile dopo referendum.Opposizione spera svolta da urne

Governo/ Verifica ancora congelata, ora non 'conviene' a nessuno

Roma, 28 mag. (askanews) - La richiesta aveva preceduto il primo turno delle elezioni amministrative: Giorgio Napolitano, il 6 maggio, aveva chiesto al premier, d'accordo con i presidenti delle Camere, di palesare in aula l'esistenza di una maggioranza diversa rispetto a quella vincitrice delle elezioni del 2008. Non un voto di fiducia, ma un passaggio parlamentare, a scelta dei tre soggetti in questione, per 'ratificare' una situazione nuova. Poi la 'valanga' elezioni, le fibrillazioni nella Lega, i ballottaggi in due città che il centrodestra rischia di perdere, come Milano, o di non conquistare contrariamente ai pronostici come Napoli. Infine il referendum. Morale: nè alla Camera nè al Senato le capigruppo hanno provveduto a calendarizzare la 'verifica'. E pare che, al momento, la questione non sia nell'aria. Certo, tutte le forze politiche, di maggioranza e di opposizione, ribadiscono che adempiere alle richieste del Quirinale è "legittimo e sacrosanto" ma lo slittamento dei tempi suggerisce valutazioni di ordine politico. "Il tema - spiega un dirigente di primo piano di uno dei partiti all'opposizione - non è all'ordine del giorno, nessuno la solleverà: se, come pare, lunedì sera il centrodestra uscirà sconfitto ai ballottaggi, chiedere un passaggio parlamentare oscurerebbe una sconfitta politica della maggioranza con una vittoria numerica. Perché non dobbiamo dimenticare che Berlusconi in aula i numeri ce li ha". Altri, in primis tra i democratici, confermano la volontà "di tenere l'attenzione su quello che si muove nel paese: sul risultato finale delle amministrative e con ogni probabilità anche sul referendum che potrebbe essere una conferma della batosta che il centrodestra prenderà alle amministrative". Da parte sua il Pdl, sotto il fuoco incrociato dei timori sull'esito del voto e delle tensioni con la Lega, per ora pare concentrato sul riassetto della maggioranza 'scossa' da troppe polemiche. A ogni modo, se e quando sarà (il caso 'verifica' potrebbe tornare alla ribalta se il numero dei sottosegretari, come già annunciato da Berlusconi, dovesse crescere ancora), il percorso nelle intenzioni della maggioranza dovrebbe iniziare dal Senato. La capigruppo della scorsa settimana ha rinviato la scelta di una data e la prossima conferenza dovrebbe essere martedì con un tema che, però, secondo le affermazioni stesse del presidente del Senato, avrà la priorità: la calendarizzazione del ddl anticorruzione che dovrebbe finire in aula a Palazzo Madama il 7 giugno. Probabile, quindi, che tutto slitti a dopo i referendum del 12 e 13 giugno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia