sabato 21 gennaio | 16:53
pubblicato il 16/mar/2015 20:39

Governo vara falso in bilancio,norme anticorruzione si sbloccano

Renzi:combattiamo con fatti,Grasso:alleluia.Cantone da Mattarella

Governo vara falso in bilancio,norme anticorruzione si sbloccano

Roma, 16 mar. (askanews) - Nel giorno del nuovo scandalo per tangenti pagate per le opere pubbliche la nuova legge anti-corruzione bloccata in Senato ribatte un colpo: il governo ha presentato la sua proposta sul reato di falso in bilancio. Che ha raccolto l' attenzione da parte di tutti i vertici istituzionali, dal presidente del Consiglio Matteo Renzi al ministro della Giustizia fino al presidente della Repubblica, seppure non direttamente coinvolto nella vicenda.

La commissione Giustizia del Senato ha ripreso l'esame degli emendamenti al ddl anticorruzione con attenzione alle proposte di modifica del governo. Al di là delle modifiche presentate dall'esecutivo e che comunque dovranno essere esaminate, c'è da registrare, sia pure a volte non dichiarata esplicitamente, la soddisfazione da parte delle istituzioni per l'iter che il provvedimento sta seguendo. Su tutti il commento del ministro della Giustizia Andrea Orlando che ha sottolineato come ci siano "tutte le condizioni per rispettare i tempi per l'arrivo in aula del testo. Un testo equilibrato, efficace e incisivo - ha aggiunto - un testo che colma le lacune e che può mordere il fenomeno della corruzione".

Il commento del presidente del Senato Pietro Grasso è addirittura al limite del religioso: "Alleluia, alleluia - ha detto - finalmente c'è una buona notizia, il famoso emendamento sul falso in bilancio è stato presentato". Non poteva mancare il Tweet del presidente del Consiglio Matteo Renzi che non ha evitato di dire che "contro corruzione proposte governo: pene aumentate e prescrizione raddoppiata. E l'autorità oggi è legge con presidente Cantone". E non è evidentemente a caso il coinvolgimento oggi di Raffaele Cantone, ricevuto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Un incontro che potrebbe inserirsi non a caso con l'esame del provvedimento anticorruzione al Senato. Il capo dello Stato ovviamente non può e non vuole intervenire, come da mandato costituzionale e consuetudine, sulle vicende parlamentari ma non può essere letto come un caso il colloquio di questa mattina al Quirinale con Cantone.

Ma sui tempi dell'approdo in aula del ddl anticorruzione resta l'incertezza. Grasso aveva assicurato l'ok entro la settimana. Il presidente della commissione Giustizia Fi Francesco Nitto Palma parla della prossima. Domani alle 13 la conferenza dei capigruppo dovrebbe chiarirre. "Nessuni pensi di ritardare di nuovo il voto del Senato", hanno avvvertito i Cinque Stelle.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4