lunedì 05 dicembre | 06:12
pubblicato il 31/mar/2012 05:10

Governo/ Tregua armata Monti-Bersani, ma in Pd resta 'sospetto'

Irritazione su giustizia. Resta timore 'partita politica' Premier

Governo/ Tregua armata Monti-Bersani, ma in Pd resta 'sospetto'

Roma, 31 mar. (askanews) - Il tono ufficiale del confronto tra Governo e partiti, ma sarebbe meglio dire Pd, torna a livelli normale, la lettera del presidente del Consiglio al Corriere della Sera ripristina se non altro un canale di dialogo, ma nel merito dei problemi la distanza sembra ancora tutta da colmare e, anzi, la mossa del ministro della Giustizia Paola Severino, che ha improvvisato un 'tavolo di maggioranza' sulla materia, irrita alquanto i vertici democratici, timorosi che l'esecutivo voglia scaricare sui partiti la 'patata bollente'. Per qualcuno, è un ulteriore indizio della 'partita politica' che si starebbe giocando ai danni del Pd. Certo, di fronte alla mezza correzione di Monti sul Corriere della Sera Pier Luigi Bersani non può che prendere atto, pubblicamente; ma in privato diversi passaggi dell'intervento sono stati letti con attenzione e, comunque, sono i "fatti" che adesso il leader Pd chiede. La lettera di Monti "è positiva", ha detto Bersani, precisando però: "Io non ne sentivo particolarmente bisogno... Su questo punto sono sereno: noi siamo stati leali, generosi, se avessimo voluto andare a votare ne avremmo avuto l'occasione, siamo impegnatissimi, non ci spaventano le riforme". Un modo per dire quello che in privato è stato spiegato più chiaramente: prendiamo atto della 'correzione', anche se restano quei passaggi sugli osservatori internazionali che temono per il 'dopo-Monti', ma è su mercato del lavoro, giustizia e Rai che il Governo deve ora dirci cosa intende fare. Le indiscrezioni apparse su Repubblica sulla possibilità di affidare al giudice il compito di stabilire se un licenziamento è economico o discriminatorio, e quindi se può esserci reintegro o no, per ora non vengono nemmeno commentate dai democratici: "Può voler dire tutto o niente, bisogna vedere il testo del ddl. E' ora che il Governo presenti un testo...". D'altro canto, al Pd sanno bene che un testo non verrà presentato prima della prossima settimana, dopo il ritorno di Monti in Italia, quando magari ci sarà modo di parlare anche a quattr'occhi con il presidente del Consiglio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari