venerdì 20 gennaio | 05:39
pubblicato il 12/ott/2011 07:36

Governo/ Stamani la Giunta, Berlusconi chiede fiducia a Camera

Premier pronto alla 'conta' ma opposizione in trincea: non basta

Governo/ Stamani la Giunta, Berlusconi chiede fiducia a Camera

Roma, 12 ott. (askanews) - Giornata campale quella di oggi per il Governo Berlusconi, dopo la sconfitta per un voto in aula alla Camera sul primo articolo del Rendiconto generale di bilancio che mette a rischio la legge di stabilità dei conti pubblici, obbligo costituzionale del Governo. Alle 10 si riunisce a Montecitorio la giunta per il Regolamento - per presiedere la quale il Presidente della Camera Gianfranco Fini ha annullato la giornata di incontri istituzionali a Milano - ed in quella sede si dovrà decidere se e come andare avanti, a fronte di una bocciatura che ha un solo precedente nel governo Goria che portò l'allora Premier Dc a rassegnare le dimissioni al Colle. Precedente invocato senza esito a gran voce e in coro da tutte le opposizioni nella stessa aula di Montecitorio alla presenza dello stesso Berlusconi giunto appositamente per il voto alla Camera reduce dall' "incontro sincero fra amici" con Claudio Scajola, quando sul tabellone dell'aula si è materializzato quel risultato 290 a 290 che ha decretato la bocciatura del primo articolo di un documento di bilancio che in genere altro non è che una presa d'atto formale e consuntiva del bilancio dello Stato dell'anno precedente ma che la sconfitta parlamentare di un voto (assenti fra gli altri Tremonti, Scajola, Bossi, Scilipoti per un totale fra 26 e 28 di deputati della maggioranzam in prevalenza Pdl e Responsabili) diventa una mina costituzionale e parlamentare per il Governo. Al termine di un vertice durato quasi quattro ore a Palazzo Grazioli da Berlusconi, Governo e gruppi di maggioranza hanno deciso di presentarsi questa mattina in giunta con una proposta di exit strategy dall'impasse parlamentare senza precedenti (che ha fra l'altro determinato la sospensione dell'analoga votazione cui si apprestava il Senato, posto che l'esame della legge di stabilità dei conti pubblici avviene in parallelo fra le due Camere proprio per ridurre al minimo la possibilità di sorprese di un voto considerato poco più che formalità) minimizzatrice. Pdl, Lega e Responsabili sosterranno in Giunta che, sotto il profilo procedurale, la bocciatura del primo articolo del rendiconto non preclude l'esame del resto del testo che quindi potrà proseguire. E che, sotto il profilo politico, la questione relativa alla sconfitta del Governo posta dalle opposizioni potrà essere sanata con un nuovo voto di fiducia che il Presidente del Consiglio è pronto a chiedere in aula alla Camera questa mattina stessa con probabile voto domani a 24 ore di distanza, come da regolamento di Montecitorio. Una 'chiusura rapida' di quello che Berlusconi, Bossi e Responsabili derubricano a 'incidente', convinto il Premier che le assenze di ieri in aula (che fanno seguite a quelle che la scorsa settimana impedirono l'inizio del voto sulle intercettazioni in aula, ora rinviato sine die dalla stessa maggioranza e alla 'fronda' che non rispettò nel segreto dell'urna l'accordo Pdl-Pd per portare Mattarella alla Corte Costituzionale) siano state il frutto di sciatteria e non scelta di sfiducia, destinato a ripetersi in un voto sulla tenuta del suo governo. Presupposto del voto di fiducia, però, resta la richiesta delle opposizioni di verifica. E stavolta i gruppi di opposizioni, almeno dalle prime reazioni notturne all'esito del vertice di maggioranza, non è detto che chiederanno loro la verifica parlamentare. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale