lunedì 16 gennaio | 14:14
pubblicato il 19/set/2013 14:12

Governo: Serracchiani, non sia Berlusconi a dettare le condizioni

(ASCA) - Trieste, 19 set - ''Adesso serve al Paese un Governo.

Un Governo che faccia riforme strutturali. Un Governo nel quale la gente si riconosca e cominci a credere. Un Governo che abbia credibilita' internazionale''. Lo sottolinea Debora Serracchiani, presidente del Friuli Venezia Giulia, commentando gli ultimi sviluppi della vicenda politica, in particolare il messaggio di Berlusconi. ''A questo esecutivo il Pd sta dando un apporto, anche in termini di sofferenza, importante. Se ci sono le condizioni, il Governo vada avanti - prosegue Serracchiani -; se non ci sono, non lo stabilira' di certo Berlusconi. Ma non lo deve stabilire nemmeno il Pd. Saranno i fatti a determinare l'esigenza di un cambiamento qualora sia, altrimenti che continui questo Governo a fare quello per cui ci siamo impegnati tutti. Del resto le larghe intese servono per fare le cose che da soli non si sarebbe stati in grado di fare''.

fdm/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%