venerdì 20 gennaio | 13:03
pubblicato il 25/feb/2014 17:14

Governo: Scopelliti a Renzi, piu' coraggio su patto stabilita'

(ASCA) - Catanzaro, 25 feb 2014 - ''L'Italia ha bisogno di un cambio di passo forte e credibile, ma la prima impressione, dopo il discorso di ieri al Senato, e' che sul patto di stabilita' Renzi abbia svolto un altro tipo di riflessione''. Lo dichiara il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti.

''A gennaio - aggiunge Scopelliti - il Premier, sullo sforamento del 3%, affermo' che si poteva effettuare visto che si tratta di un vincolo anacronistico che risale a 20 anni fa. Concordiamo, ma Renzi, che adesso e' il rappresentante dell'interesse di tutti gli italiani, sia piu' coraggioso. Non e' solo l'edilizia scolastica ad aver bisogno di una profonda revisione ma anche il territorio, dalle emergenze ambientali a cui siamo sempre piu' spesso chiamati a fare fronte fino al rilancio dell'economia locale vero motore per la ripresa dell'Italia. Al Presidente del Consiglio chiediamo di non dare peso alle telefonate che gli giungono dal resto d'Europa ma di ascoltare le vere esigenze del Paese. Vada a Bruxelles a battersi per far usare agli amministratori locali quei fondi che in molti casi abbiamo in cassa ma che per i ''vincoli anacronistici'' che ci impone l'Unione europea non possiamo utilizzare. Scoprira' che in questa battaglia molto bipartisan sara' supportato da un ampio schieramento a cui interessa lo sviluppo e la crescita dei propri territori. Contestualmente, in un momento storico in cui l'Italia deve assolutamente affrontare una serie di riforme per rendere ancor piu' competitivo il paese, si avvii anche una riflessione seria ridisegnando non solo il Senato come Camera delle autonomie ma anche la geografia della nazione costituendo le macroregioni, che sicuramente con piu' forza possono concretamente favorire un vero sviluppo coordinato e progressivo del territorio. Soprattutto per il Mezzogiorno d'Italia questo consentirebbe - conclude Scopelliti - la realizzazione di interventi non piu' frammentati, che spesso vedono la disputa tra i diversi livelli istituzionali locali, riconducibili ad un quadro strategico preciso che valorizza le risorse naturali e la collocazione nel Mediterraneo''.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoti
Gentiloni a Chigi, pre-Consiglio ministri su emergenze sisma-neve
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale