mercoledì 18 gennaio | 09:04
pubblicato il 23/dic/2013 09:14

Governo: Schifani, ne' rimpasto ne' tavoli con FI e M5S (Repubblica)

Governo: Schifani, ne' rimpasto ne' tavoli con FI e M5S (Repubblica)

(ASCA) - Roma, 23 dic - ''Non possono esistere maggioranze variabili. Quelle politiche per gli affari di governo e altre parallele per discutere le regole. Giusto parlare con tutti.

Ma un postulato essenziale e' partire dalla casa comune, dalla famiglia con cui si amministra la cosa pubblica. Poi confrontarsi, certo. Insomma, mi ritrovo nelle parole del presidente della Repubblica e del ministro Dario Franceschini. Detto questo, da parte del Nuovo centrodestra c'e' grande disponibilita' al dialogo''. Lo afferma il presidente di Ncd, Renato Schifani, in un'intervista a ''La Repubblica''.

Quanto alla legge elettorale Schifani spiega: ''Noi siamo disponibili a discutere di doppio turno. Purche' garantisca il bipolarismo e il diritto di scelta dei cittadini. Ma quando Renzi dice che gli italiani dovranno sapere la sera del voto chi avra' vinto le elezioni, beh, e' qualcosa di irrealizzabile. Perche' sa bene che a Costituzione invariata, col bicameralismo perfetto ancora in vigore, quella svolta non sara' possibile. Qualunque legge elettorale sara' adottata. Almeno fin tanto che l'elettorato sara' diviso su tre fronti''.

Se il Pd insistesse nell'aprire il confronto da subito con Berlusconi e Grillo, il presidente di Ncd avverte: ''Se si violano regole cosi' essenziali e' chiaro che si corrono dei rischi. Noi non abbiamo alcun interesse ad aprire una crisi.

Abbiamo consumato una rottura dolorosa pur di salvaguardare la governabilita' in un momento drammatico per il Paese. Il prezzo pagato ci qualifica, diciamo cosi'. Ma e' evidente che una accelerazione del Pd a dispetto della maggioranza non potrebbe essere tollerata''. Da Schifani netta chiusura sull'ipotesi rimpasto: ''I rimpasti sono arnesi della vecchia politica. Noi pensiamo che spetti al presidente del Consiglio fare un check. Letta e Alfano valutino, si assumano le loro responsabilita'. Sarebbe grave se i partiti imponessero i loro diktat''.

red-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa