martedì 17 gennaio | 16:02
pubblicato il 15/feb/2014 12:26

Governo: Schifani a Pd, pari dignita'. Ncd non accettera' mortificazioni

Governo: Schifani a Pd, pari dignita'. Ncd non accettera' mortificazioni

(ASCA) - Roma, 15 feb 2014 - ''Nessuno pensi di poterci imporre un prendere o lasciare. Nulla e' scontato circa il buon esito di questo confronto''. Lo afferma il Presidente del Nuovo Centrodestra, Renato Schifani, in una intervista pubblicata su ''La Stampa '' oggi in edicola, commentato il confronto che si sta sviluppando in vista della formazione del governo Renzi.

''Noi siamo pronti ad accettare la sfida delle riforme'', aggiunge Schifani, ''se questo si dimostrera' il comune obiettivo di un governo destinato comunque a restare di emergenza e non politico. A condizione pero' che siano chiari i contenuti dell'accordo, e pure i suoi confini.

Le cose da fare e anche quelle da non fare''. ''Nessuno'', prosegue Schifani, ''puo' costringerci a stipulare un accordo se non ne condividiamo i contenuti.

Siamo un partito giovane, nato da una scissione nel nome del buongoverno. Se dovessimo accettare di dar vita a una coalizione litigiosa per le differenze di posizione al proprio interno, non soltanto daremmo un pessimo spettacolo al paese ma soffocheremmo in culla le speranze del Nuovo centrodestra''.

NCD, spiega Schifani non fa questioni di poltrone perche' ''Prima viene il programma e poi ci occuperemo nel caso della nostra presenza nell'esecutivo''. La base di partenza, avverte Schifani, deve essere la ''pari dignita' tra due partiti, il Pd e' il Ncd, che appartengono a schieramenti politici diversi. Sosterremo il governo se ci sara' la possibilita' di farne parte con posizioni importanti. Escludo che possiamo accettare mortificazioni o declassamenti''.

Infine, Schifani, sulle prospettive del nascente governo considera che ''se Renzi e' arrivato al punto da licenziare un governo guidato dal suo stesso partito, per me puo' significare una sola cosa: che ha scelto di mettersi in gioco fino in fondo sul cambiamento e sulle riforme. E' una sfida che noi accettiamo. Tornare alle urne prima di averci provato sul serio significherebbe ammettere il suo fallimento politico'', conclude Schifani.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Ue vuole manovra bis Italia, Gentiloni mercoledì da Merkel
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Avviata Consulta dei Presidenti degli Enti Pubblici di Ricerca
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa