martedì 17 gennaio | 10:20
pubblicato il 03/nov/2011 14:08

Governo/ Scajola non firma: ma lettera è conferma malessere Pdl

Dissenso a atti partito:A volte vedo più iscritti che elettori...

Governo/ Scajola non firma: ma lettera è conferma malessere Pdl

Roma, 3 nov. (askanews) - Aderiranno altri parlamentari Pdl alla lettera degli 'scontenti dell'Hassler che hanno chiesto a Silvio Berlusconi di promuovere lui la nascita di un nuovo governo per una nuova fase politica, con allargaramento della maggioranza al Terzo Polo? Il pensiero va fra i primi all'ex ministro Claudio Scajola, anche perché alcuni dei firmatari (dalla Destro a Gava ad Antonione) provenivano dal suo gruppo. Ma Scajola e i suoi hanno fatto sapere di non aver intenzione di sottoscrivere l'iniziativa, sottolineando però come l'iniziativa partorita all'Hassler non fa che confermare il malumore dentro il Pdl che lui segnala da tempo. Scajola, d'altra parte, anche nella riunione dell'ufficio di presidenza con Berlusconi a palazzo Grazioli, ha voluto mettere agli atti la sua posizione critica. Nei confronti, ad esempio, del ministro Mauruzio Sacconi ritenuto 'colpevole' di dividere i sindacati e di minare la coesione sociale in un momento in cui sarebbe invece necessario un clima più responsabile e dialogante con tutte le parti sociali, Cgil compresa. E nei confronti, altro esempio, del Sottosegretario Daniela Santanchè, 'invitata caldamente' dall'ex ministro a esprimers con toni e modi più sobri e moderati, coerenti con il proprio elettorato che è stanco di atteggiamenti ed espressioni radicali ed esagitate, visto che almeno tre milioni di elettori Pdl, secondo Scajola, sarebbero andati ad ingrossare le fila dell'astensione. Da ex ministro dello Sviluppo economico, poi, Scajola ha chiesto ancora al suo partito "più attenzione alle imprese, perchè senza crescita delle imprese non c'è crescita del Pil". E dunque: misure per favorire la patrimonializzazione delle Pmi e per accelerare i pagamenti non solo della Pa verso le imprese, ma anche delle grandi verso le piccole aziende. Con, infine, una stoccata indiretta allo stesso neo segretario Angelino Alfano per la "eccessiva enfasi" e i "troppi peana" che si sono levati per il risultato del tesseramento. "Ci sono luoghi - ha detto Scajola - dove ci sono più iscritti che elettori: quindi grande attenzione nella celebrazione dei prossimi congressi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello