venerdì 09 dicembre | 02:56
pubblicato il 16/mar/2011 20:27

Governo/ Romano 'furioso' per stop, Ir manda segnali a premier

Pid assein Aula. Berlusconi vedrà mercoeldì Responsabili

Governo/ Romano 'furioso' per stop, Ir manda segnali a premier

Roma, 16 mar. (askanews) - Ieri sorrisi a go go, e una grande loquacità. Saverio Romano era certo di essere a un passo dalla nomina a ministro delle Politiche Agricole, già pronto - se fosse arrivata la telefonata - a recarsi al Quirinale per il giuramento già questo pomeriggio. Ma quella telefonata non è arrivata. O almeno non nei toni che il leader di Pid si aspettava. Il 'rimpasto' è rimasto bloccato anche perchè Silvio Berlusconi nell'incontro con Giorgio Napolitano non si è presentato soltanto con la richiesta di nominare due ministri (lo stesso Romano e Galan ai Beni Culturali), ma con una 'proposta' più complessiva che prevedeva anche un allargamento del numero delle poltrone attualmente disponibili. Romano, racconta chi ha avuto modo di parlarci, non ci sta. E non è un caso se per domani abbia convocato una conferenza stampa affiancato dagli esponenti dei Popolari dell'Italia di domani che fanno parte di 'Ir', mentre tutto il resto delle istituzioni sarà invece impegnato nelle celebrazioni ufficiali per i 150 anni dell'Unità d'Italia. Il presidente del Consiglio ha ben chiari i malumori che stanno fermentando nel gruppo dei 'Responsabili': in molti, d'altra parte, avevano chiaramente detto al premier di non gradire l'opzione di un upgrading ministeriale per il solo Romano e di aspettarsi piuttosto un 'pacchetto' di nomine completo anche di sottosegretari e vice ministro. Anche per questo il premier ha convocato tutto il gruppo per la prossima settimana, forse mercoledì. Ma intanto i Pid hanno già mandato un segnale molto chiaro oggi al Cavaliere, assentandosi in blocco (Romano, Gianni, Ruvolo, Pisacane e Grassano) nella votazione sull'election day in cui il governo ha rischiato grosso, salvandosi soltanto grazie al radicale Beltrandi che non ha votato come il resto dell'opposizione. Sullo stop a Romano, oltre ai veti incrociati di altri Responsabili e ad alcune perplessità che sarebbero state fatte filtrare dal Quirinale, avrebbe pesato anche la voce di Gianfranco Micciché. Il leader di Forza del Sud, che ieri è stato ricevuto a palazzo Grazioli dal premier insieme ad altri esponenti di movimenti meridionalisti, non avrebbe gradito l'ascesa di Romano con il quale, tra l'altro, si 'contende' il bacino siciliano. Peraltro anche nei movimenti a trazione Sud starebbero emergendo perplessità sulla possibilità di creare un unico grande partito che abbia come leader proprio il sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni