lunedì 05 dicembre | 14:14
pubblicato il 26/mag/2011 21:22

Governo/ Rischio debacle,per Pdl e Berlusconi in cantiere piano B

Vertici avrebbero ragionato anche di Berlusconi bis e cambi Pdl

Governo/ Rischio debacle,per Pdl e Berlusconi in cantiere piano B

Roma, 26 mag. (askanews) - Si salvi chi può. Sembrano all'insegna di questa massima le tensioni e i posizionamenti interni al Pdl, un partito che attende i ballottaggi di domenica e lunedì conscio delle difficoltà delle sfide e incerto sul futuro. Silvio Berlusconi, intanto, dopo la puntata di Porta a Porta dovrebbe concedersi domani sera a Napoli per un comizio - l'unico nelle ultime due settimane - durante il quale canterà Gigi D'Alessio e si esibiranno alcuni calciatori del Napoli. Ma è già del martedì elettorale che si ragiona a via dell'Umiltà. I sondaggi interni non sembrano indicare l'auspicata rimonta e negli ultimi giorni si sono susseguite tante riunioni di partito. Il Cavaliere, dal canto suo, è in costante contatto con alcuni fra i più fidati dirigenti del Pdl, con un unico obiettivo: come affrontare l'eventuale onda d'urto di una sconfitta elettorale. L'analisi è in divenire e tutto dipenderà anche dai risultati e da quanto saranno negativi, ma nelle ultime ore Berlusconi e i massimi dirigenti pidiellini hanno anche valutato lo scenario peggiore, quello di una sconfitta così accentuata da mettere a repentaglio la stessa tenuta dell'esecutivo. Nelle conversazioni riservate - riferiscono fonti qualificate - sarebbe stato anche valutato il piano B, che comprenderebbe un Berlusconi bis (dopo le resistenze che hanno preceduto il 14 dicembre) e una contestuale modifica degli assetti del Pdl e dei gruppi parlamentari, accompagnato dal varo di un paio di riforme capaci di lasciare il segno. Anche se, riferiscono diverse fonti, Berlusconi avrebbe avuto modo di ribadire alcuni dei dubbi espressi già in passato di fronte alla tentazione di rivoluzionare radicalmente il quadro. Il Pdl, soprattutto l'ala malpancista, ragiona intanto di possibili interventi strutturali sull'assetto del partito, al netto appunto di quelle rivoluzioni accarezzate dal premier. Dallo strumento delle primarie al ragionamento sulla legge elettorale, fino ai congressi locali, è un fiorire di richieste, lettere e dibattiti. Discussioni però che necessariamente dovranno fare i conti con l'esito elettorale. E con eventuali rivoluzioni promosse da Berlusconi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari