sabato 03 dicembre | 22:57
pubblicato il 12/apr/2014 18:57

Governo: Renzi, entro 12 mesi online spese P.A., partiti e sindacati

Governo: Renzi, entro 12 mesi online spese P.A., partiti e sindacati

(ASCA) - Lucca, 12 apr 2014 - Entro 12 mesi la Pubblica amministrazione, ma anche partiti, sindacati e associazioni, dovranno mettere online le loro spese ''al centesimo''.

Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, intervenendo al Festival del Volontariato a Lucca.

''Nell'arco dei prossimi 12 mesi - ha detto - noi vogliamo fare una gigantesca operazione di certezza sull'open government per portare la pubblica amministrazione a un grande cambiamento: se mettiamo online la spesa centesimo per centesimo facciamo una cosa piu' importante della revisione della spesa perche' io pubblico dirigente sono costretto a pensare che la spesa di 50 centesimi per la bottiglietta d'acqua e' visibile e confrontabile. Questo gioco qui cambia la vita ai comuni, alle Regioni e a tutte le strutture dello Stato. Si parte il 6 giugno con la fatturazione elettronica, che e' un primo passo''.

Questo processo di trasparenza, ha aggiunto, deve riguardare ''tutti i partiti politici, i sindacati e tutti coloro che accedono a contributi di natura pubblica. Tutti devono avere gli stessi standard della P.A., anche le associazioni''.

afe/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari