lunedì 16 gennaio | 19:00
pubblicato il 27/mag/2013 15:01

Governo: Regioni Nord chiedono riforma fiscale, trattenere 75% tributi

Governo: Regioni Nord chiedono riforma fiscale, trattenere 75% tributi

(ASCA) - Roma, 27 mag - In una lettera inviata al presidente del Consiglio, Enrico Letta, e al vicepremier, Angelino Alfano, i presidenti regionali Cota, Maroni e Zaia chiedono l'istituzione di un gruppo di lavoro in materia di riforma fiscale che consenta agli Enti locali di ''trattenere almeno il 75%'' dei tribuiti e di affrontare, cosi', ''con decisione la questione settentrionale''. ''In qualita' di Presidenti delle Regioni Piemonte, Lombardia e Veneto - si legge nella missiva - chiediamo formalmente al Governo di istituire un gruppo di lavoro tra le Regioni ed il Governo stesso, al fine di procedere ad una complessiva revisione della fiscalita' delle Regioni e delle Autonomie, sia nei suoi profili organizzativi che nei suoi contenuti, anche con l'obiettivo di superare l'attuale sistema di riscossione fondato sulle competenze di Equitalia''.

''Come a Voi noto - proseguono Cota, Maroni e Zaia - anche il Presidente Giorgio Squinzi, durante l'annuale assemblea di Confindustria tenutasi pochi giorni fa, ha lanciato a nome di tutto il sistema produttivo, un disperato appello (che condividiamo) per chiedere al Governo di intervenire per dare sollievo al Nord produttivo: ha evidenziato come il Nord sia sull'orlo del baratro economico ed ha chiesto che venga affrontata con decisione la questione settentrionale''.

''Riteniamo - aggiungono i tre governatori regionali - sia giunto il tempo di definire un nuovo sistema fiscale che garantisca a ciascuna Regione la possibilita' di trattenere almeno il 75% del gettito tributario complessivo prodotto nel singolo territorio regionale: questo servira' a realizzare un sistema di maggiore equita' fiscale (soprattutto nei confronti delle Regioni del Nord) e, conseguentemente, realizzare una maggiore responsabilizzazione delle Regioni e delle Autonomie''.

''Il risultato a cui puntiamo - concludoo i presidenti di Piemonte, Lombardia e Veneto - e' quello di spendere meno soldi pubblici per spenderli meglio. Siamo certi che vorrete condividere la necessita' e l'urgenza della nostra richiesta e per questo rimaniamo in attesa di una cortese e sollecita risposta''.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello