sabato 21 gennaio | 21:01
pubblicato il 08/set/2013 14:16

Governo: Quagliariello, senza riforme condannati a larghe intese

Governo: Quagliariello, senza riforme condannati a larghe intese

(ASCA) - Roma, 8 set - Intervenendo al forum Ambrosetti di Cernobbio, il ministro Gaetano Quagliariello ha richiamato ''l'urgenza delle riforme'' perche' ''nei periodi di recessione il costo economico e sociale di istituzioni che non funzionano diventa insostenibile''. In particolare, Quagliariello ha posto l'accento sulla necessita' di ''superare il bicameralismo perfetto; assicurare governabilita' e una fisiologica alternanza bipolare attraverso l'investitura popolare del vertice dell'esecutivo, secondo il modello che sara' prescelto tra indicazione diretta e rafforzamento del premier o elezione diretta del presidente della Repubblica; razionalizzare i livelli di governo territoriale e il rapporto di questi con lo Stato centrale''. Infine, ''intervenire sulla legge elettorale sapendo pero' che questa da sola, senza una riforma delle istituzioni, non basta''. In conclusione, Quagliariello ha evidenziato ''un paradosso''. ''In entrambi i due maggiori partiti - ha spiegato - c'e' una dialettica tra chi da un lato ritiene che un governo della propria parte sarebbe stato preferibile ma ha accettato in una situazione eccezionale di compiere un pezzo di strada insieme per ridisegnare il campo di gioco e poter poi ritornare a una ordinaria contrapposizione, e chi dall'altro ritiene che l'avversario sia un nemico, che con il nemico non si possa collaborare mai e che quindi sia meglio metter fine subito a questa esperienza''. Il ''paradosso'', secondo il ministro delle Riforme, e' che ''se il governo reggera' e si riusciranno a fare le riforme istituzionali, dalla prossima volta si potra' tornare a una fisiologica democrazia dell'alternanza, con un centrodestra e un centrosinistra alternativi e una parte che governa e un'altra che garantisce l'opposizione. Chi invece vorrebbe far saltare tutto, per quelle che Popper avrebbe definito 'conseguenze inintenzionali', bloccando la riforma delle istituzioni creerebbe le premesse per una ingovernabilita' ancora piu' grave e per nuove probabili larghe intese''.

red/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4