domenica 04 dicembre | 15:22
pubblicato il 23/dic/2013 17:48

Governo: Pittella (Pd), nel 2014 passare da stabilita' a fatti

Governo: Pittella (Pd), nel 2014 passare da stabilita' a fatti

(ASCA) - Roma, 23 dic - ''Conosciamo bene l'origine del governo Letta e il terremoto politico che ha dovuto attraversare e superare. La stabilita' e' un valore ed e' stata garantita, con non pochi sacrifici degli italiani. Nel 2014, pero', la stabilita' dovra' portare i propri frutti.

Fatti servono fatti per far ripartire il Paese. Riforme istituzionali, certo, una nuova legge elettorale, ma i cittadini si aspettano risposte concrete sul lavoro, sulle tasse, sugli investimenti, sulla scuola, sulla lotta alla criminalita'''. Lo ha affermato in una nota Gianni Pittella, esponente Pd e vice presidente vicario del Parlamento europeo.

''Il discorso di Letta - ha aggiunto - ha indicato prospettive e intenti precisi in gran parte condivisibili.

Bene i passaggi sulla revisione della Bossi-Fini e del Ius soli. Nel 2014, come il premier stesso ha sottolineato, lo aspettiamo alla prova dei fatti, senza piu' alibi''.

com-brm/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari