sabato 03 dicembre | 06:27
pubblicato il 13/feb/2014 20:08

Governo: Pd liquida Letta, lunga vita (?) a Renzi (nota)

Governo: Pd liquida Letta, lunga vita (?) a Renzi (nota)

(ASCA) - Roma, 13 feb 2014 - ''Fatti piu' in la''' recitava il verso di una canzone delle Sorelle Bandiera, rese note al grande pubblico, alla fine degli anni '70 del secolo scorso, dalla trasmissione televisiva di culto di Renzo Arbore ''L'altra domenica''. E' difficile scorgere qualcosa che abbia a che fare con la politica in quanto sta accadendo in queste ore attorno al governo della Repubblica. Come in tutti i momenti di acuta confusione, gli argomenti si rincorrono e sovrappongono: cio' che veniva utilizzato ieri a sostegno di una tesi viene improvvisamente utilizzato da coloro che sostenevano la tesi opposta. E' il caso del rilancio del tema di una legislatura costituente (toh, chi si rivede!), tormentone che accompagno' il dopo sconfitta di Veltroni (elezioni del 2008). E' il caso del mitico ''semestre europeo'' invocato sinora a gran voce come elemento non discutibile per confermare il mandato del governo Letta almeno sino al 2015. La cifra piu' evidente del segretario Pd, candidato premier dopo la riunione di oggi del suo partito, e' quella della spregiudicatezza, bruciate d'incanto le affermazioni fatte di fronte ai cittadini nelle scorse settimane. Chissa' dove e' il ''nuovo'' in tutto questo. Criticato per aver rimesso in gioco Berlusconi dopo la condanna definitiva e la sua decadenza dal Parlamento, Renzi oggi si propone di prendere in ostaggio questo Parlamento dei nominati, con la prospettata illusione di traghettarli al 2018, complici le preoccupazioni dei piccoli gruppi sorti nel frattempo. Velocita', velocita', il segno che Renzi intende imprimere in chiave futurista alla sua esperienza politica, usando l'incarico volta a volta affidatogli per preparare un passaggio successivo (record di velocita' assoluto, in dieci anni da Palazzo Medici Riccardi, sede della Provincia di Firenze, a Palazzo Chigi, a Roma, senza alcuna esperienza di livello nazionale). A che servira' l'ascensore di Palazzo Chigi, dopo il ruolo di semplice grimaldello, durato due mesi, della segreteria del Pd?. In questi casi e' buona educazione ricordare che ''lo chiede il Paese'' perche' l'ambizione e' di ''uscire dalla palude''. L'ambizione e' di avere un programma completamente ''nuovo'', coraggioso; una ''svolta'' da compiere con la stessa maggioranza che sostiene, dopo l'ultimo voto di fiducia, il governo Letta. Arrendetevi, siete circondati, e' stata l'invettiva di Beppe Grillo diretta al Parlamento durante la campagna elettorale dello scorso anno. Non e' avvenuto. Il corpaccione del Pd, impaurito, si e', invece, arreso all'intimazione di Renzi, con l'aggregarsi intorno alla sua candidatura, durante il congresso, di intere regioni rosse che lo avevano avversato pochi mesi prima. Il dibattito della direzione Pd e' stato esemplare in questo senso, ricco di retropensieri inespressi e di capriole opportunistiche dettate talvolta dalla convinzione che la strada della presidenza del Consiglio potra' rivelarsi ricca di insidie per Renzi. Con ingenuita' (o forse ipocrisie), come quella di chiedere ad Enrico Letta di evitare, con le sue dimissioni, un voto esplicito della direzione. Le minoranze, nei grandi partiti, durano poco: la via ministeriale e' lastricata di buone intenzioni. In questa partitocrazia senza democrazia che, al massimo, si esprime con eventi plebiscitari, la grave crisi parlamentare aggravata da un sistema di elezione di deputati e senatori come il Porcellum (lodevolmente cancellato dalla Corte Costituzionale), rischia di trascinare con se' l'intero sistema democratico. Questo il rischio vero che questa fase politica, affrontata con tanta leggerezza da una classe dirigente ciarliera, comporta. L'imperativo seguito sin qui dal Quirinale e' stato quello di assicurare la gestione di una crisi economico-sociale senza precedenti, a partire dal governo Monti: e' opinione piuttosto diffusa che sarebbe stato meglio non alterare il fisiologico alternarsi delle forze, andando ad elezioni anticipate in quella occasione. Di nuovo, oggi, anziche' prestar fede al percorso dichiarato dal nuovo segretario del Pd, poche settimane fa, di voler l'accordo con Forza Italia per anticipare una legge elettorale che consentisse di porre termine a questa penosa legislatura, si vuole tornare allo stesso errore. Monti ieri, Letta oggi, Renzi domani, prigionieri della stessa condizione. dir/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari