sabato 25 febbraio | 20:23
pubblicato il 21/ott/2013 10:43

Governo: Palma, se Berlusconi volesse crisi Quagliariello cosa farebbe?

Governo: Palma, se Berlusconi volesse crisi Quagliariello cosa farebbe?

(ASCA) - Roma, 21 ott - Se fosse Silvio Berlusconi a volere aprire una crisi di governo, '' il ministro Quagliariello e altri aderenti al PdL non si adeguerebbero?''. E' quanto polemicamente chiede il senatore del Pdl Francesco Nitto Palma, dopo le dichiarazioni rilasciate dal ministro delle Riforme, Gaetano Quagliariello, suo compagno di partito. ''Prendo atto - afferma Palma in una nota - che il ministro Quagliariello, di cui ignoravo sia le capacita' divinatorie che quelle di interpretazione del nostro elettorato, ha gia' definito i futuri assetti del centrodestra e del PdL-Forza Italia, in particolare relegando il presidente Berlusconi al ruolo di padre nobile. Tanto da riaffermare che in caso di azzeramento, la cui concretizzazione puo' passare solo ed esclusivamente dalla decisione del presidente Berlusconi, non entrera' in Forza Italia. O con me o senza di me! Certo e' una sua ipotesi, e vale quel che vale''. ''Cio' che pero' mi preoccupa - aggiunge - in un momento in cui tutti stiamo lavorando per l'unita del partito e per superare le attuali diversita', e' che il ministro Quagliariello, con tono non rasserenante, affermi che se qualcuno volesse aprire la crisi i numeri del 2 ottobre sarebbero gli stessi, se non di piu'. Solo per capire: e se, per ipotesi, quel qualcuno fosse il Presidente Berlusconi, magari con l'avallo dell'ufficio di presidenza, il ministro Quagliariello e altri aderenti al PdL non si adeguerebbero? E, se fosse cosi', vi sarebbe ancora un partito unico? O si ritiene che per mantenere in vita il partito la sola strada concessa sia quella di seguire pedissequamente i diktat di un taluno che non trova nel voto, popolare o no, la sua legittimazione?''. ''Personalmente - conclude il presidente della commissione Giustizia - penso che le affermazioni del ministro Quagliariello siano chiarissime, in sintonia perfetta con quanto affermato dal sen. Zanda il 2 ottobre, e costituiscono un nuovo forte elemento di divisione''.

com-sgr/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Lavoro
Renzi: ruolo Stato non è offrire reddito ma lavoro di cittadinanza
Pd
Orlando: mi candido per guidare il Pd, non contro qualcuno
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech