venerdì 24 febbraio | 07:15
pubblicato il 12/feb/2014 17:57

Governo: padre Renzi, mai gli direi di non tirare calcio di rigore

(ASCA) - Firenze, 12 feb 2014 - ''Anche se fossi ciecamente convinto che mio figlio stesse assumendosi un rischio elevatissimo di battere una boccata, mai e poi mai suggerirei di non affrontare il rischio, e per dirla con le sue parole, mai e poi mai suggerirei di rifiutarsi di battere un calcio di rigore per paura di sbagliarlo''. Lo scrive su Facebook il padre di Matteo Renzi, Tiziano, a proposito dell'eventuale 'staffetta' tra il segretario del Pd ed Enrico Letta. ''Ricevo, e devo dire con piacere - scrive Tiziano Renzi - appassionati post che mi implorano di sconsigliare Matteo dall'accettare il trappolone. Premesso che moltissimi ragionamenti sono condivisibili e logici, io non sono pero' in condizione di conoscere e quindi di consigliare alternative, vista l'opposizione di Napolitano alle elezioni anticipate. Vi devo anche confessare che Matteo ascolta tutti i consigli, ma poi decide di testa sua ,aggiungerei per fortuna''.

afe/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech